Svelato il segreto per produrre nell’orto pomodori dolcissimi e senza acidità ed ecco la tecnica per coltivarli senza nichel

In estate il pomodoro è uno degli ingredienti base della cucina mediterranea. Semplice e gustoso, si adatta a milioni di ricette ed è amatissimo in tutto il Mondo. Da esso si ricavano passate, conserve sott’olio, pomodori secchi, pelati e tantissimi altri derivati. La salsa di pomodoro è la regina della tradizione italiana, uno degli ingredienti che tutti ci invidiano senza riuscire a replicarlo.

Pensiamo a cosa sarebbe la pizza senza la salsa di pomodoro, o la parmigiana con le melanzane o la pasta alla norma siciliane. Ma per far crescere un pomodoro dalla polpa consistente e piena di sapore sono necessari sole e terra fertile. Due elementi che non mancano in Italia, specialmente al Sud.

Ma ecco svelato il segreto per produrre nell’orto pomodori dolcissimi sin dalla pianta. Sicuramente la scelta della varietà da coltivare è importantissima, eppure esistono altri trucchi per rendere questi frutti più succosi e zuccherini. Poi, da alcuni anni molte persone si sono scoperte allergiche al nichel, una sostanza contenuta nei pomodori in quantità elevate.

Con la tecnica di cui parleremo, potremo produrre pomodori senza nichel e nessuno dovrà più rinunciare a mettere quest’ingrediente nei suoi piatti preferiti.

Svelato il segreto per produrre nell’orto pomodori dolcissimi e senza acidità ed ecco la tecnica per coltivarli senza nichel

Ogni varietà di pomodoro ha delle caratteristiche diverse per quanto riguarda il sapore. La dolcezza, nello specifico, dipenderebbe da alcuni fattori che il coltivatore può controllare. Temperatura, tipologia del terreno e quantità di sole e acqua che la pianta riceve definiscono la proporzione tra zuccheri e acidità.

Gli scienziati chiamano questo mix “aromi volatili” e sono quelli che rendono speciale un pomodoro. Dipende molto anche dalla giusta quantità di fiori presenti sulla pianta. La presenza della proteina detta florigena nella pianta, pare che aumenti il contenuto di zucchero e quindi la dolcezza dei frutti.

Per coltivare pomodori dolci la prima regola è acquistare varietà piccole. Infatti, più grande è la pezzatura del frutto meno zuccheri concentrati ci saranno. Cerchiamo di scegliere una varietà autoctona della nostra Regione e che si adatti al clima. In aggiunta, il consiglio è di lasciare maturare i nostri pomodori sulla pianta il più a lungo possibile. Questo li addolcirà.

Chi è allergico al nichel, invece, può sfruttare la tecnica della coltivazione idroponica, che permette un drastico abbassamento della quantità di questa sostanza. Sebbene questo tipo di coltivazione non sia difficile, necessità di una serra e di un contenitore di plastica da 10 litri. All’interno dovrà essere introdotta un’altra vasca dove mettere le piante di pomodoro.

L’aggiunta di sostanze nutritive secondo delle indicazioni precise è fondamentale, stessa cosa vale per l’irrigazione. Nel caso in cui si voglia optare per questa coltivazione, è bene rivolgersi a un esperto.

Approfondimento

Mai piantare vicini questi ortaggi se non vogliamo che il raccolto sia un fallimento

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te