Ecco i frutti di stagione antiossidanti amici dell’intestino che potrebbero scongiurare i problemi al cuore

Questo periodo, sospeso fra l’autunno e l’inverno, porta sulle nostre tavole degli ortaggi e della frutta deliziosa, ma anche benefica per la nostra salute. Per questo, oggi facciamo un esempio in merito prendendo in analisi due tra i frutti più amati di questi mesi. Ecco dunque i frutti di stagione antiossidanti amici dell’intestino che potrebbero scongiurare i problemi al cuore. Vediamo insieme quali sono e se è il caso di inserirli all’interno delle nostre diete.

Ecco i frutti di stagione antiossidanti amici dell’intestino che potrebbero scongiurare i problemi al cuore

Stiamo parlando in primis dei cachi, molto amati da grandi e bambini per il loro sapore zuccherino. Questo alimento è infatti perfetto per la preparazione di dessert facili e veloci, a causa del proprio naturale processo di gelificazione. Inoltre contiene diversi tipi di vitamine fra cui la A, la C, la E e infine anche la K. L’alto contenuto di fibre dei cachi li rende perfetti anche per il benessere del nostro intestino. Allo stesso modo, secondo Humanitas potrebbero essere indicati per il buon funzionamento del nostro sistema cardiovascolare. Poi la loro funzione antiossidante permette di rallentare il naturale processo di invecchiamento dell’organismo. Infine la presenza dell’acido betulinico eserciterebbe una potenziale azione preventiva contro il cancro.

Ci sono poi i mandarini. Questi hanno un’azione antiossidante e potrebbero evitare la formazione di placche aterosclerotiche. Per prevenire questo disagio consigliamo anche le crucifere. Possiamo vantare infatti ossa forti e una miniera di preziose vitamine con queste verdure di stagione che combattono l’aterosclerosi. Ci sono poi degli studi che collegano i mandarini ad un’azione preventiva contro il tumore al fegato.

Le possibili controindicazioni dovute al consumo di questo genere di alimenti

Bisogna però fare attenzione perché i cachi possono fare interferenza con alcuni farmaci. Nello specifico ci riferiamo a quelli di tipo ipertensivo. Possono infatti portare alla riduzione della pressione. Se si soffre di questo problema, specialmente nei periodi caldi, ecco quali sono le abitudini giornaliere che combattono la pressione bassa durante l’estate. Invece non ci sono evidenze che rendono i mandarini particolarmente problematici. Però prima di introdurre un nutriente specifico nella nostra dieta è meglio confrontarci con uno specialista. Ci sono degli elementi che sembrano innocui ma che se inseriti all’interno di certe situazioni di salute possono risultare nocivi.

Approfondimento

Aritmie, intorpidimento e crampi potrebbero essere dovuti alla carenza di questo prezioso minerale

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te