Tutti possono far crescere pomodori grandi e succosi sia nell’orto che in vaso con questi 3 semplicissimi trucchetti dei contadini

Deliziosi sia cotti che crudi, i pomodori colorano ed arricchiscono le nostre tavole con un gusto eccezionale. In natura maturano nel periodo primaverile ed estivo. Tuttavia, grazie a coltivazioni all’avanguardia possiamo assaporare i pomodori in ogni stagione dell’anno. Questo alimento è talmente famoso e amato che conosciamo moltissime cose sul suo conto. Ad esempio, sappiamo che è il frutto del Lycopersicon esculentum, una specie appartenente alla famiglia delle Solanaceae. Tale pianta sembrerebbe nativa del Centro America e sono molti gli studiosi che sostengono che veniva coltivata dagli Aztechi centinaia di anni prima dell’avvento degli esploratori spagnoli.

Un alimento preziosissimo

Il successo di questo alimento è talmente grande da spingere molte persone a coltivarlo in casa. La verità è che tutti possono far crescere pomodori grandi e succosi perché è una di quelle piante che si coltiva facilmente. Inoltre, secondo diversi esperti, il pomodoro sembrerebbe un’ottima fonte di antiossidanti. Il licopene presente al suo interno, infatti, non solo dona al pomodoro un colore rosso brillante, ma insieme ad altre sostanze aiuterebbe a proteggere l’organismo dai radicali liberi. L’introduzione dei pomodori nel piano alimentare, inoltre, sembrerebbe far bene anche alla salute degli occhi, della pelle e delle ossa.

L’altro lato della medaglia, però, sottolinea due aspetti negativi. Il consumo del pomodoro, infatti, potrebbe provocare allergie o disturbi gastrointestinali. L’acidità di questo alimento è alquanto conosciuta. Tuttavia, esistono alcuni rimedi naturali, molto veloci ed efficaci per rendere più dolce e digeribile il sugo di pomodoro durante la cottura.

Oltre al sugo, sono innumerevoli i piatti che si possono creare grazie ad un pomodoro di qualità. Chi non si è mai fatto tentare da un bel piatto alla “caprese”, con pomodori freschi e mozzarella? Una vera goduria per il palato! Eppure, non tutti sanno che, secondo diversi esperti, pomodori e mozzarella non andrebbero mai mangiati insieme. Ad ogni modo, quasi nessuno resiste alla bontà dei pomodori e sempre più persone si dedicano ad una coltivazione casalinga.

Di seguito, scopriremo come tutti possono far crescere pomodori grandi e succosi sia nell’orto che in vaso con questi 3 semplicissimi trucchetti dei contadini

Per far sviluppare bene i pomodori bisogna tener conto degli spazi. In particolare, una pianta di pomodoro per crescere bene ha bisogno di mezzo mq di spazio. Dunque, il primo trucco è quello di scegliere un vaso di almeno 40 cm di diametro e di 40 cm di profondità. Inserire all’interno del vaso una sola pianta. Chi, invece, decide di coltivare i pomodori in un piccolo orto, allora potrà anche scegliere dei cassoni in legno di diversi mq e inserire più piante.

In molti non considerano la distanza tra le piante, eppure è un aspetto fondamentale. La distanza più idonea secondo i contadini sarebbe di 70-90 cm tra una pianta e l’altra.

Infine, non tutti lo sanno ma alcune piante potrebbero favorire la crescita dei pomodori. Molti contadini, infatti, vicino ai pomodori coltivano l’aglio e il tagete. Il motivo? L’aglio vanta poteri antibatterici che proteggono la salute delle piante vicine e riducono le infezioni da fungo, oltre a migliorare il sapore dei pomodori. Il tagete, invece, allontana molti parassiti e abbellisce anche gli spazi con colori sgargianti.

Lettura consigliata

I 5 migliori trucchetti “rubati” alle nonne per una conserva di pomodoro dal sapore eccezionale
(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te