Questo secondo piatto poco calorico e godurioso stupirà tutti i nostri ospiti facendo faville

Quando non si sa che cosa preparare, a volte basta affidarsi ai piatti della tradizione che preparavano anche le nostre ave. Per questo oggi proponiamo la ricetta di questo secondo piatto poco calorico e godurioso stupirà tutti i nostri ospiti facendo faville. Vediamo insieme come portare in tavola il coniglio alla cacciatora, una preparazione magra e ricca di proteine ad alto valore biologico.

Gli ingredienti necessari per circa 5 persone

  • 800 grammi di coniglio a pezzi;
  • 100 grammi di cipolle dorate;
  • 60 grammi di vino bianco;
  • 2 rametti di rosmarino;
  • 2 foglie di alloro;
  • 550 grammi di pomodori pelati;
  • sale fino quanto basta;
  • pepe nero quanto basta;
  • olio extravergine d’oliva quanto basta;
  • 1 spicchio di aglio;
  • 200 grammi di brodo vegetale già pronto;
  • farina q.b.

Questo secondo piatto poco calorico e godurioso stupirà tutti i nostri ospiti facendo faville

Per prima cosa bisogna iniziare a mettere sul fuoco del brodo vegetale. Poi bisogna prendere i pezzi di coniglio e lavarli sotto l’acqua corrente e strofinarli energicamente con le mani per pulirlo bene. Asciugare poi il tutto delicatamente con un canovaccio pulito. Preparare poi le verdure per il soffritto. Per prima cosa tagliare la cipolla finemente. Prendere poi un tegame antiaderente e versare al suo interno dell’olio extravergine di oliva. Unire anche l’aglio in camicia e fare rosolare entrambi gli ingredienti. Quando la cipolla sarà dorata basta aggiungere le erbe aromatiche, quindi le foglie di alloro e il rosmarino, dopo averli sciacquati e successivamente asciugati.

Infarinare poi tutti i pezzi di carne, rimuovendo la farina in eccesso. Aggiungerli al tegame e lasciare andare la cottura a fiamma viva per circa una decina di minuti. Bisogna però fare attenzione a non farli bruciare, mescolando attentamente. Dopo questo tempo saranno ben rosolati e avranno formato una leggera crosticina. Aggiustare quindi di sale e pepe. Togliere poi l’aglio e sfumare leggermente con il vino bianco. Far evaporare e poi unire i pelati. Questi vanno schiacciati con i rebbi di una forchetta. Cuocere il tutto per poco meno di un’ora a fiamma bassa, aggiungendo delle mestolate di brodo. È sempre importante rimestare per evitare che la carne si attacchi sul fondo del tegame.

Una volta ultimati i 50-55 minuti di cottura, servire in tavola. Se invece si volesse optare per una ricetta vegetariana, consigliamo un cremoso piatto a base di legumi per riscaldare con gusto le fredde serate di novembre.

Approfondimento

Un delizioso piatto completo facile da preparare ricco di gusto grazie alla verdura di stagione e al pane sardo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te