Pochi sanno che questo frutto utile contro la stipsi aiuta a combattere i dolori alle ossa 

Mangiare sano è il primo passo da compiere per contrastare l’insorgenza di numerose patologie, se poi aggiungiamo l’esercizio fisico, potremmo godere di buona salute. L’attività fisica infatti può migliorare tanti aspetti fondamentali della vita di un individuo, in particolare quello sociale, psicologico e fisico. Praticare uno sport, sia pure una camminata veloce, aiuta a prevenire e curare malattie metaboliche e cardiovascolari. Può contrastare alcuni tipi di tumore, rafforza la struttura ossea e muscolare e soprattutto allontana i pensieri tristi. Infatti, sembra incredibile ma quest’attività potrebbe rigenerare cervello e memoria lo dice la scienza.

Altrettanto importante è seguire un regime alimentare corretto per apportare al nostro organismo tutti i micro e macronutrienti necessari per il suo fabbisogno. Inoltre, grazie alla generosità della natura, molti alimenti da essa prodotti possono contrastare e aiutare a contrastare numerosi disturbi. Ma pochi sanno che questo frutto utile contro la stipsi aiuta a combattere i dolori alle ossa. Infatti chi ha problemi di stitichezza spesso inserisce nella propria dieta le prugne secche che grazie alle loro caratteristiche favoriscono il transito intestinale. In particolare grazie al contenuto di fibre e di sorbitolo, che ammorbidendo la consistenza delle feci, favoriscono l’evacuazione. Secondo fonti accreditate, oltre al benessere intestinale, apportano importanti benefici per le ossa, soprattutto in termini di prevenzione dell’osteoporosi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Pochi sanno che questo frutto utile contro la stipsi aiuta a combattere i dolori alle ossa

L’osteoporosi è una malattia cronica dell’apparato scheletrico, caratterizzata da alterazioni della struttura ossea e da una bassa densità minerale. Determina una fragilità ossea che con il tempo può portare ad un aumento del rischio di fratture, anche dopo traumi minimi. Secondo i dati, circa il 23% delle donne oltre i 40 anni e il 14% degli uomini ultrasessantenni soffrono di questa malattia. In Italia, si stima che circa 5 milioni di persone ne sono colpiti e l’80% dei casi sono le donne in post menopausa.

La prevenzione primaria di questa malattia è sicuramente uno stile di vita attivo e un’alimentazione ricca di sali minerali e vitamine. Ad esempio ecco il segreto per assumere in un unico piatto tanta vitamina D contro debolezza e dolori. A tal proposito, inoltre, sembrerebbe che il consumo di prugne secche possa apportare benefici alla salute delle ossa, prevenendo questa malattia che può diventare, col tempo, invalidante. In particolare, si suppone che i benefici che apportano alle ossa derivino dal contenuto di vitamina K, di potassio e di boro. Ovvero, la vitamina K è in grado di favorire la mineralizzazione delle ossa, mentre il potassio aiuta a mantenerne la densità minerale, rafforzando lo scheletro. Infine c’è il boro, che riduce l’escrezione urinaria di sali minerali importanti per le ossa come il magnesio e il calcio.

Approfondimento

Un pieno di vitamina D con questo contorno tipicamente autunnale contro i dolori articolari

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te