Pochi la comprano ma questa carne saporitissima è fonte di proteine nobili, ferro e potassio e aiuterebbe a contrastare l’anemia

Variare la dieta è molto importante, non solo per una questione di gusto ma anche per un apporto completo di nutrienti che sono diversi tra un alimento e l’altro. Di solito, per la carne facciamo delle scelte quasi scontate. Consumiamo più frequentemente pollo, vitello e tacchino e spesso ignoriamo altre carni saporite e nutrienti. Gli ovini, ad esempio, non rientrano tra le nostre scelte abituali. Pochi la comprano ma questa carne ha un alto contenuto proteico ed è ricca di minerali. L’agnello da latte è una carne tenerissima dal sapore deciso e delicato. Ma sono decisamente apprezzabili anche le carni degli ovini adulti.

Sapore deciso ed intenso

Se la pecora può risultare un po’ dura, anche se saporita, una scelta più tenera è quella del castrato. Con questo termine indichiamo l’esemplare maschio che viene castrato per migliorarne le carni.  L’animale si abbatte a 18 mesi circa e conserva un sapore deciso, ma meno intenso e robusto di quello della pecora. E risulta decisamente più tenero. Fornisce un buon apporto di proteine, 14 g per 100 g di prodotto, e di minerali.

È una buona fonte di ferro che favorisce l’apporto di ossigeno a tutti gli organi del corpo. È ricco inoltre di potassio che garantisce il buon funzionamento del cuore e dei muscoli. Presenta anche discrete quantità di fosforo, calcio e zinco e di vitamine del gruppo B.  Può essere un buon alleato nei casi di anemia da ferro e può trovare posto all’interno di una dieta varia ed equilibrata.

Pochi la comprano ma questa carne saporitissima è fonte di proteine nobili, ferro e potassio e aiuterebbe a contrastare l’anemia

Se da noi questa carne non è molto ricercata, in Francia e in Inghilterra la apprezzano molto e la consumano frequentemente. In cucina è molto versatile e si può preparare sia in umido che alla griglia.

Ancor più tenero è l’agnellone, che viene macellato a circa sei mesi di età, circa tre mesi dopo l’agnello. La sua carne è più ricca di proteine e di nutrienti, anche se leggermente più grassa. Per ovviare a questo problema si può ricorrere a cotture che non richiedono l’impiego di grassi. Potremmo usarla per un ottimo arrosto alla griglia, cottura che esalta al massimo il sapore e la bontà di questa carne. Inoltre si impiega, insieme al castrato o alla pecora adulta, per fare gli arrosticini, degli spiedini di carne molto saporiti, tipici della tradizione culinaria abruzzese.

Lettura consigliata

Non tutti sanno perché non bisognerebbe mangiare cioccolato dopo una fiorentina e prendere il caffè a fine pasto

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te