Leggere sempre bene le etichette degli spuntini snack pieni di zuccheri

La settimana scorsa gli Esperti della nostra Redazione avevano trattato il tema delle barrette energetiche e la differenza con quelle dietetiche e proteiche. Possono in effetti sembrare molto simili, se non uguali, agli occhi dei più. Invece, tra le varie tipologie di barrette disponibili in commercio, ci sono differenze di ingredienti e nutrienti alle volte davvero abissali. Leggere sempre bene le etichette degli spuntini snack pieni di zuccheri è l’azione migliore per salvaguardare la nostra salute.

Barrette come il prezzemolo

Le barrette snack sono ormai commercializzate in tantissimi posti. Da Internet ai supermercati, dalle farmacie alle erboristerie, dai negozi di sport alle palestre, ormai le possiamo trovare dappertutto, come il prezzemolo. Bisogna però stare molto attenti e leggere sempre bene le etichette degli spuntini snack pieni di zuccheri e alle volte di coloranti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Quelle alla frutta

Quando acquistiamo le barrette alla frutta, controlliamo immediatamente tutti gli ingredienti contenuti. Alcune di esse infatti sono un vero e proprio concentrato di zuccheri, ma assai povere di fibre e vitamine. Il rischio, molto alto, è quello di confondere il sapore della frutta con la frutta vera. Lo stesso dicasi per i concentrati o frullati, in bottiglietta di plastica, spesso in vendita sullo stesso scaffale, o nel frigo vicino. Quasi mai si avvicinano ad avere un contenuto reale di frutta, fibre e vitamine.

Quelle ai cereali

Non esulano da questo discorso nemmeno le barrette ai cereali, che traggono in inganno con la promessa di contenere fibre proteiche e ipocaloriche. Spesso questi alimenti sono il trionfo dei coloranti, conservanti e zuccheri aggiunti.

Frutta secca monodose

Negli ultimi mesi abbiamo letteralmente assistito al trionfo di vendite delle confezioni di frutta secca monodose. Mandorle, arachidi, anacardi, noci e nocciole, alle volte addirittura ricoperti di cioccolata, e con un alto contenuto di sale. Quando vediamo gli atleti consumare questo tipo di alimento, ricordiamoci però che si tratta di frutta secca selezionata e non preconfezionata. Inoltre, provocando ritenzione idrica, nel caso di assunzione, dobbiamo assolutamente ricordarci di bere tanta acqua e compensare con i sali minerali.

Approfondimento

Alla ricerca di un dolce leggero sulla nostra tavola, non può mancare la torta Margherita

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te