Ecco come riconoscere i segnali che ci dicono che siamo a rischio demenza

“Prevenire è meglio che curare” recitava un celebre spot di alcuni anni fa. E mai frase fu più azzeccata se parliamo di una delle malattie più terribili: la demenza. Le varie forme di demenza colpiscono sempre più persone e molto spesso ce ne accorgiamo quando è ormai troppo tardi. Ma non dobbiamo spaventarci. Se impariamo a conoscere i sintomi della patologia possiamo riuscire a rallentarli e magari a prendere le prime contromisure. Quindi ecco come riconoscere i segnali che ci dicono che siamo a rischio demenza.

Difficoltà ad agire e disorientamento

Uno dei primi segnali di possibile degenerazione delle funzioni cognitive è la difficoltà a compiere molte azioni quotidiane. Quello che fino a qualche giorno prima ci sembrava un gioco da ragazzi pare diventare improvvisamente uno scoglio insormontabile. Le persone che iniziano a soffrire di demenza dimenticano da un momento all’altro come usare un semplice telecomando o come accendere un computer.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Dobbiamo fare attenzione anche se iniziamo ad avere problemi a orientarci nello spazio e nel tempo. Non riusciamo più ad arrivare in un luogo familiare? Dimentichiamo il giorno della settimana o dove siamo stati il giorno prima? Potrebbero essere i primi segnali di demenza.

Ecco come riconoscere i segnali che ci dicono che siamo a rischio demenza: problemi di linguaggio e gestione dei rapporti sociali

Tra i sintomi di demenza allo stadio iniziale ci sono anche le difficoltà nel linguaggio. Non riuscire a terminare una frase o ripetere spesso certi termini magari avendone in mente altri è un segnale importante. A maggior ragione si accompagna a una tendenza a evitare le conversazioni e a diventare più taciturni.

E qui entrano in gioco le difficoltà nei rapporti sociali. Chi soffre di demenza tende a essere più scostante e irrequieto e spesso cerca di evitare le persone per vergogna o scarso interesse. Attenzione anche agli hobby e alle passioni. Se da un giorno all’altro ciò che ci dava soddisfazione ci sembra inutile e noioso forse stiamo iniziando a soffrire di questa patologia.

Approfondimento

Fortunatamente possiamo prevenire l’insorgere della demenza lavorando sull’alimentazione.

Ne bastano 3 al giorno per combattere l’ipertensione e potenziare il cervello

Attenzione a questi 3 alimenti molto comuni, sono acerrimi nemici del nostro cervello”.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te