È strapiena di antiossidanti e omega 3 e fa bene all’intestino questa cremosa colazione pronta in 5 minuti

Si dice che la colazione sia il pasto più importante della giornata. Eppure spesso al mattino ci si riduce a prendere soltanto un caffè al volo. D’altronde, chi ha il tempo e l’energia per mettersi ai fornelli appena sveglio?

Per fortuna esistono delle alternative rapide e salutari: è strapiena di antiossidanti e omega 3 e fa bene all’intestino questa cremosa colazione pronta in 5 minuti!

L’ingrediente segreto dai tanti benefici

La chiave per preparare una colazione velocissima e benefica è un solo ingrediente: i semi di chia. Secondo gli esperti, infatti, questi sono una ricca fonte di macronutrienti e fibre.

In particolare, i semi di chia apportano gli acidi grassi omega 3 e omega 6 in una proporzione ideale. Quest’ultima informazione potrebbe suonare sorprendente: infatti c’è chi pensa che gli omega 3 si trovino solo nel pesce.

In realtà è vero che i prodotti della pesca (incluso questo pesce povero) sono ricchi di acidi grassi. Ma esistono anche delle ottime alternative vegetali per assumere gli omega 3, come appunto la chia e addirittura dei semi che spesso finiscono nel cestino.

Ma non è tutto qui: i semi di chia contengono anche numerose sostanze dalle proprietà antiossidanti. Fra queste spiccano l’acido ferulico, l’acido caffeico e la quercetina.

Non mancano nemmeno le vitamine: nei semi di chia si trovano vitamina A, vitamina C, vitamina E e vitamine del gruppo B (niacina, tiamina e riboflavina), oltre a svariati sali minerali.

Infine, 100 grammi di semi di chia apportano 34,4 grammi di fibra. Ciò rende i semini un utile alleato del buon funzionamento dell’intestino.

Insomma, i benefici sono tanti. Ma come si fa a trasformare dei semplici semi in una deliziosa colazione?

È strapiena di antiossidanti e omega 3 e fa bene all’intestino questa cremosa colazione pronta in 5 minuti

La miglior soluzione per fare il pieno di semi di chia è trasformarli in un dolce budino, ideale per la colazione. Sembra incredibile, ma il tempo di preparazione è di soli 5 minuti. Infatti i semini fanno tutto da soli: assorbono i liquidi e li trasformano in un composto dalla consistenza gelatinosa.

L’unico problema è che, affinché avvenga questa magia, servono circa 10 ore di riposo. Il trucco è dunque preparare il budino in anticipo, metterlo in frigorifero e gustarlo la mattina dopo. Quella che può apparire una scocciatura, dunque, è in realtà un vantaggio: appena svegli si avrà la colazione già pronta!

Ecco come procedere.

La ricetta del budino ai semi di chia

Ingredienti:

  • 35 g di semi di chia;
  • 200 ml di latte vaccino (in alternativa latte di cocco, latte di mandorla, latte d’avena o altri tipi di latte vegetale);
  • miele o sciroppo d’acero o sciroppo di agave a piacere per dolcificare.

Procedimento:

  1. in una ciotola mescolare i semi di chia e il latte;
  2. aggiungere miele o sciroppo a piacere per dolcificare;
  3. amalgamare bene il tutto, poi lasciare nella ciotola o trasferire in bicchierini o coppette monoporzione;
  4. coprire il contenitore e trasferire in frigorifero;
  5. aspettare una notte intera prima di gustare.

La ricetta è davvero semplicissima, ma può essere arricchita in mille modi. Al mattino, infatti, si può aggiungere al budino frutta fresca, granella di nocciole, marmellata…

Un ultimo consiglio per ottimizzare i tempi è preparare più porzioni di budino. Infatti lo si può conservare in frigorifero per 5 giorni.

Approfondimento

Chi non semina questa pianta sul balcone si perde una fonte strepitosa di antiossidanti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te