Con il diabete ecco i valori di colesterolo e pressione per controllare malattie cardiovascolari e neuropatie

Nella nostra popolazione sono numerose le persone che soffrono di diabete, un po’ per l’aumentare dell’invecchiamento, un po’ per lo stile di vita. Nella maggioranza dei casi, il diabete non dà sintomi e spesso si scopre soltanto dopo aver fatto delle analisi del sangue di routine. Il diabete è una malattia cronica che si caratterizza per l’eccesso di zuccheri nel sangue, ovvero l’iperglicemia.

Esistono vari tipi di diabete, ma i principali sono quello di tipo 1 e quello di tipo 2, detto diabete mellito. Il primo è caratterizzato dalla totale assenza di secrezione insulinica, mentre il diabete mellito è provocato da una ridotta sensibilità dell’organismo. Il diabete di tipo 1, inoltre, si rivela tra i 2 e i 25 anni, mentre il diabete mellito si manifesta in età più adulta.

L’importanza degli esami del sangue

Tuttavia i sintomi non sono facilmente riconoscibili e compaiono soltanto quando la malattia è avanzata. Ecco perché sono molto importanti gli esami del sangue almeno una volta all’anno e osservare anche i piccoli segnali che il nostro corpo manda. Infatti, è incredibile ma questi 6 sintomi dopo 40 anni possono rivelare l’inizio di diabete.

Per chi soffre di glicemia è necessario tenere a bada i suoi valori, perché il loro aumento potrebbe portare seri danni ai vasi sanguigni. Infatti, con il diabete ecco i valori di colesterolo e pressione per controllare malattie cardiovascolari e neuropatie che a breve si indicheranno. Ciò in quanto alti valori di glicemia potrebbero comportare neuropatie, ovvero alterazioni al sistema nervoso centrale, volontario e periferico e danni cardio e cerebro-vascolari.

Importanti studi, infatti, hanno dimostrato che un controllo della glicemia e di altri parametri, mediante una terapia intensiva, può prevenire le complicanze del diabete.

Con il diabete ecco i valori di colesterolo e pressione per controllare malattie cardiovascolari e neuropatie

L’emoglobina glicata è un parametro di controllo che consente di sapere l’andamento medio della glicemia negli ultimi 3 mesi. Oltre a questi valori, devono tenersi sotto controllo il colesterolo e il peso corporeo, mediante un’alimentazione sana ed equilibrata e uno stile di vita attivo.

Pertanto i valori di riferimento sono: glicemia a digiuno prima del pasto 90-130 mg/dl; post pasto 140-160 mg/dl; prima di coricarsi 120-180 mg/dl. Mentre per quanto riguarda la pressione sistolica massima minore di 130 mmHg, mentre la minima minore di 80 mmHg.

Infine, per quanto riguarda il colesterolo cattivo minore di 100mg/dl, colesterolo HDL maggiore di 40 mg/dl per gli uomini e di 50 mg/dl per le donne.

Quindi, va da sé che per tenere sotto controllo tutti questi valori è fondamentale mantenersi attivi, seguire un’alimentazione sana e bere molto. A tal proposito pochi la bevono ma questa è un’ottima acqua per combattere glicemia alta e diabete.

Approfondimento

Non tutti lo bevono ma questo concentrato tiene a bada la glicemia e contrasta l’Alzheimer

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te