Come si prepara l’originale pasta con il pesto alla genovese

Di origini liguri, il pesto non è una scoperta particolarmente datata, sembrerebbe infatti risalire all’Ottocento.  Ingrediente principe il basilico, per il pesto alla genovese si utilizza la pianta dalle foglie piccole. Oltre al sapore intenso, ricordiamo che il basilico è ricco di calcio, potassio, ferro e vitamina C. Questo è certamente un elemento da non sottovalutare per la nostra salute. Questa pietanza dalle origini non troppo antiche, diventa nota nel Mondo quando gli equipaggi delle navi mercantili salpavano dal porto di Genova verso mete lontane.

Quale pasta usare

Generalmente la tipica pasta con il pesto alla genovese consiste nelle classiche trofie al pesto. Tuttavia, come la maggior parte degli chef ci insegnano, la tradizione va sempre rivisitata. In cucina si deve sperimenta e dunque al pesto sono stati abbinati diversi formati di pasta. Senza dubbio dev’essere ruvida, per trattenere meglio il condimento, in questo caso il pesto. Tra le varie proposte, ricordiamo gli gnocchi di patate, le linguine, i testaroli e addirittura le lasagne al pesto. La scelta è ampia, è solo questioni di gusti. Inoltre il pesto è sempre più usato per condire vari tipi di pizza. Utilizzato per insaporire le bruschette, serve a decorare anche piatti  più sofisticati.

Come si prepara l’originale pasta con il pesto alla genovese

Come abbiamo detto, nella ricetta tipica ligure, si usano principalmente le trofie. Gli ingredienti con cui è preparato il pesto sono prima di tutto il basilico genovese, l’aglio, i pinoli, olio extravergine di oliva, Parmigiano Reggiano, pecorino e sale. Naturalmente tutti gli ingredienti sono in seguito “pestati”. Non tutti però sanno realmente come si prepara l’originale pasta con il pesto alla genovese. I genovesi infatti abbinano le trofie con il pesto ad altri due ingredienti. Un’armonia di sapori che deriva dall’aggiunta al piatto di patate e fagiolini lessi. Questi due ingredienti delicati, uniti al pesto colorano e insaporiscono il piatto.

Conservare il pesto alla genovese correttamente per utilizzarlo al meglio

Chi ama questa ricetta, spesso decide di preparare il pesto a casa propria con ingredienti freschi e profumati. Tuttavia la genuinità del prodotto comporta l’assenza di conservanti. Appena pronto è possibile conservare il pesto in frigorifero per massimo tre giorni. Nel caso volessimo conservarlo per più a lungo è possibile congelarlo. In questo caso, a seconda della quantità, converrebbe dividere il pesto in porzioni per poi scongelare e consumare all’occorrenza.

Lettura consigliata

Pesto di peperoni crudi con mandorle e basilico, perfetto su pasta e crostini

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te