Come pulire caffettiera e moka di casa bruciate dalle incrostazioni senza rovinarle e alterare l’aroma del caffè con meno di 1 euro

Bere il caffè la mattina è un’abitudine cui molti non vogliono rinunciare. Appena svegli, a metà mattina o dopo pranzo, gli estimatori di questa bevanda non vogliono scuse. Il caffè deve essere di un certo tipo e l’aroma deve diffondersi immediatamente in tutta la casa.

Chi ama l’espresso del bar, solitamente decide di acquistare una macchinetta con le cialde. In questo modo non dovrà rinunciare alla crema che si forma sulla superficie. Potrebbe sorprendere, ma  esistono delle tecniche per ottenere un caffè perfetto e cremoso come al bar anche con la moka.

Quest’ultima e la caffettiera napoletana, nonostante la tecnologia delle macchine da espresso, non sono state del tutto sostituite. C’è chi ancora ama sentire il profumo del caffè macinato e il gorgoglio di quando esce dalla caffettiera.

Il problema è che dopo averla usata diverse volte, anche questa splendida macchina tende a rovinarsi. Proprio per questo dobbiamo sapere come pulire caffettiera e moka di casa bruciate, per farle tornare come appena comprate. Al contrario, se non si puliscono, rischiamo che il caffè acquisisca un cattivo odore e sapore di bruciato.

Le incrostazioni e i residui, poi, andranno a finire nella nostra tazzina, togliendoci una parte del piacere del caffè. Ma con questo trucchetto che tra poco mostreremo, non avremo più questo disguido.

Come pulire caffettiera e moka di casa bruciate dalle incrostazioni senza rovinarle e alterare l’aroma del caffè con meno di 1 euro

Per pulire a dovere la moka di casa, anche dopo anni di utilizzo, bisogna per prima cosa scomporla nelle sue parti essenziali. Dividiamo la caldaia inferiore per l’acqua dal filtro e dal bricco dove esce il caffè. Il filtro andrà pulito per primo, eliminando residui e incrostazioni aiutandosi con uno spazzolino o con uno spillo.

Nel frattempo, immergiamo le altre due parti in una soluzione di sale e aceto bianco. Lasciamo in ammollo e spazzoliamo le parti col solito spazzolino. Una volta pulite esternamente, versiamo l’acqua nella caldaia inferiore come se dovessimo farci un caffè. Prendiamo un altro cucchiaino di sale e versiamolo nella caldaia. Aggiungiamo il filtro centrale e chiudiamo la moka, proprio come per fare il caffè.

A questo punto, mettiamo sul fuoco la caffettiera e lasciamo che l’acqua fuoriesca normalmente. Grazie al sale, ogni parte interna sarà igienizzata e liberata dal calcare. Prima di riutilizzarla per fare il caffè, si consiglia di risciacquarla con acqua tiepida.

Approfondimento

Non è vero che la moka di casa non si deve pulire. Ecco come fare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te