Cervello e memoria iniziano a tradire anche i meno anziani se saltano fuori queste 3 difficoltà

Quando gli anni si accumulano e si avanza incontro alla vecchiaia la maggior parte di noi teme di sviluppare malattie mentali invalidanti. Non sono infatti tanto gli acciacchi, i dolori e i malesseri che colpiscono il corpo a spaventare quanto il declino cognitivo. La più grande paura resta quella di perdere il senno, di non ricordare gli eventi del passato prossimo e di scivolare nel buio della demenza. Ma d’altro canto bisogna ricordare che non è tanto la vecchiaia a far perdere colpi al cervello quanto 2 insospettabili carenze che chiunque potrebbe registrare. Similmente sarebbe in errore chi pensasse che i deficit delle facoltà mnemoniche e intellettive subentrino solo ad una certa età.

Purtroppo i processi degenerativi possono colpire le nostre risorse cognitive con  molto anticipo e non coincidere con la stagione dell’anzianità. Si guarda con tenerezza all’anziano che dimentica il bastone sulla panchina, parla e si muove lentamente. Ma in alcuni casi cervello e memoria iniziano a tradire anche i meno anziani se saltano fuori queste 3 difficoltà che prima non erano presenti. Così come anche soltanto questi 5 sintomi a 45 anni indicano che il cervello sta andando incontro alla demenza e che conviene consultare uno specialista. La prima difficoltà che compare più di frequente riguarda proprio la lentezza con cui si elaborano le informazioni. E in particolare ci si riferisce al venir meno della rapidità con cui la mente impara o immagazzina nuovi stimoli e concetti.

Cervello e memoria iniziano a tradire anche i meno anziani se saltano fuori queste 3 difficoltà

In secondo luogo un chiaro sintomo di indebolimento cognitivo è riconoscibile nella scarsa capacità di fare attenzione a più input contemporaneamente. Si fa pertanto molta fatica a seguire più persone che parlano o a svolgere più compiti nello stesso momento. Non a caso si è dinanzi ad un cervello in tilt e rischio di ictus se si perde quest’abilità prima dei 60 anni. E si tratta di segnali che molti tendono ad ignorare per paura di scoprire forme incipienti di Alzheimer o di altre malattie neurodegenerative.

L’altra difficoltà che potrebbe comparire con anticipo rispetto alla terza età coinvolge le abilità mnestiche e si manifesta attraverso vuoti di memoria. Uno studio ha riscontrato che i segnali più evidenti dell’invecchiamento mentale sono da ricercarsi anche nella perdita della memoria episodica. Essa riguarda la capacità di ricordare quel che è avvenuto il giorno precedente o il colore dell’automobile con cui si andava in vacanza. E purtroppo le ricerche rivelano che già nei soggetti di mezz’età si possono riscontrare difficoltà nel richiamare alla mente episodi del passato.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te