Altro che dentifricio è questo il rimedio che potrebbe aiutare contro i brufoli in modo naturale

Sappiamo bene quanto possano essere fastidiosi e antiestetici i brufoli, se non addirittura dolorosi.

Queste pustole rosse spesso ci rendono la vita difficile, tra il bruciore, lo sforzo per non toccarli e la difficoltà nel nasconderli quando dobbiamo uscire. Infatti, in genere compaiono nelle zone più visibili del corpo, ossia viso, collo, schiena e torace.

Anche se è difficile combatterli, esistono dei rimedi casalinghi per potrebbero alleviare il dolore e l’infiammazione.

La cultura popolare vuole che il dentifricio sia un buon rimedio contro i brufoli, ma la scienza ha spiegato che non è così. Scopriamo invece un rimedio naturale che potrebbe davvero aiutarci con questo problema.

Altro che dentifricio è questo il rimedio che potrebbe aiutare contro i brufoli in modo naturale

I brufoli possono presentarsi sia come non infiammatori sia come delle vere e proprie lesioni infiammatorie rosse e a volte doloranti. Per non parlare delle situazioni più critiche in cui ci troviamo di fronte alla condizione dermatologica dell’acne.

Magari vorremmo scovarne la causa, ma le possibilità sono tante, dallo squilibrio ormonale all’uso di alcuni farmaci, da un eccesso di produzione di sebo allo stress. In genere, tra i più giovani è dovuta a fattori ormonali, mentre l’acne in età adulta può derivare dallo stress. Tuttavia, è importante chiedere un parere di un dermatologo per individuare le cause e la conseguente terapia.

In ogni caso, i rimedi casalinghi, usati con attenzione, possono almeno lenire i sintomi. Tra questi rimedi c’è la camomilla.

Già considerata utile contro ansia, problemi di stomaco, fastidi agli occhi e molto altro, secondo la scienza potrebbe anche curare irritazioni cutanee e ferite. Le sue proprietà lenitive e antinfiammatorie, infatti, aiutano ad attenuare alcuni sintomi come bruciore, prurito e rossore.

Come applicare la camomilla per combattere i brufoli

Per applicare la camomilla sui nostri brufoli per un effetto lenitivo, dobbiamo semplicemente far bollire un po’ d’acqua in un pentolino o nel bollitore.

Poi, lasciamo in infusione la camomilla in una ciotola o una tazza che useremo solo a questo scopo. Possiamo usare sia la camomilla in bustine sia quella sfusa disponibile in alcune erboristerie.

Lasciamo in infusione per circa 5 minuti e lasciamo raffreddare.

Quando la camomilla è tiepida, possiamo cominciare con gli impacchi. Prendiamo dei batuffoli di cotone o delle garze sterili, immergiamoli nella camomilla e, dopo averli strizzati leggermente, posiamoli sulla zona interessata.

Se ne abbiamo la possibilità, possiamo sdraiarci su un letto o un divano proteggendolo con un asciugamano e applicare gli impacchi su tutte le zone colpite. Lasciar agire per un minuto e ripetere l’operazione.

Se invece ci risulta complicato, possiamo fare gli impacchi su un lavandino premendo per qualche secondo nella parte infiammata senza sfregare.

In entrambi i casi, ripetere il procedimento più volte anche durante la giornata. Già dopo qualche impacco si dovrebbe notare la differenza, altrimenti continuare con gli impacchi per qualche giorno.

Altro che dentifricio è questo il rimedio che potrebbe aiutare contro i brufoli in modo naturale. Ma ricordiamoci che toccarli con le mani, schiacciarli e grattarli manderebbe in fumo ogni nostro sforzo di combatterli.

Se non abbiamo l’acne, ma vogliamo purificare il viso, ecco come ottenere una pelle perfetta con questo ingrediente che non butteremo mai più via.

Approfondimento

Altro che parrucchiere, ecco 2 pratiche alternative per tingere i capelli a casa più un metodo naturale”.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te