Vomito e diarrea, oltre ad irritazione dello stomaco e crampi muscolari, potrebbero essere il campanello d’allarme di questa intossicazione alimentare

Vomito o diarrea sono disturbi dell’organismo molto comuni. Molti di noi non danno molta importanza a questo problema, che in genere viene attribuito all’assunzione di un cibo non particolarmente genuino. Invece questi sintomi possono nascondere una patologia ben più grave, specialmente se si prolungano nel tempo.

Può accadere che alcuni sintomi comuni che colpiscono l’organismo possano essere trascurati. A volte più disturbi della salute si manifestano contemporaneamente. Presi singolarmente non creano nessun allarme, appaiono come segnali di un malessere non troppo grave. Tuttavia se alcuni sintomi si verificano contemporaneamente possono essere l’indicazione di una grave patologia.

Per esempio in inverno è naturale sentire freddo. Tuttavia, non è naturale avere costantemente brividi di freddo, specialmente al caldo della nostra stanza. Questo problema, se persiste nel tempo, potrebbe essere il sintomo di alcune gravi patologie.

Vomito e diarrea, oltre ad irritazione dello stomaco e crampi muscolari, potrebbero essere il campanello d’allarme di questa intossicazione alimentare

La diarrea è un disturbo dell’organismo che non crea particolarmente allarme, specialmente se dura uno o due giorni. Però, chi ha la diarrea dovrebbe cominciare a preoccuparsi se questa persiste oltre qualche giorno e soprattutto se è abbinata ad altri problemi dell’organismo. Per esempio diarrea, perdita di capelli e problemi della pelle,  indicano carenza o eccesso nel corpo di un minerale molto importante per l’organismo.

Sempre vomito e diarrea, oltre ad irritazione dello stomaco, potrebbero essere il segnale di un’intossicazione da cadmio. Il cadmio è presente nell’aria, nell’acqua ed è un contaminante del cibo. Funghi, molluschi, polvere di cacao e alghe essiccate, sono ricche di cadmio. L’eccessivo accumulo di questo metallo nell’organismo può portare a gravi problemi per la salute.

Questo metallo è presente nel nostro organismo ma l’assunzione in eccesso di questa sostanza può portare a seri problemi di salute. Chi ingerisce alte quantità di cadmio attraverso cibo od acqua, può manifestare sintomi come l’irritazione di stomaco, il vomito, la diarrea. Si possono verificare anche crampi muscolari, problemi al fegato e insufficienza renale.

Per prevenire l’intossicazione da cadmio specialmente nei bambini, conviene adottare una dieta equilibrata. Questa non dovrebbe avere eccessive quantità di cibi contenenti alto livello di questo metallo. Purtroppo questa sostanza una volta entrata in circolo nell’organismo è difficile da espellere. Alcuni studi suggeriscono che il corpo per eliminare il cadmio in eccesso può impiegare anche più di 10 anni. Il cadmio assorbito, viene espulso molto lentamente attraverso urina e feci.

Approfondimento

3 comunissimi sintomi di pericolosissime malattie che nessuno dovrebbe mai sottovalutare ma spesso trascurati

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te