Tutto quello che c’è da sapere per rendere una cena indimenticabile che stupirà gli amici con questo vino speciale ma di costo contenuto

Servire il vino in tavola è facilissimo. Ma scegliere quello più adatto da abbinare alle pietanze da servire, senza spendere una fortuna, è una fantastica soddisfazione. Per scegliere un vino adatto non è necessario fare un corso da sommelier, basta conoscere alcune caratteristiche fondamentali. La Bonarda è un ottimo vino e se servito in un certo modo può rendere il pranzo o la cena memorabili. Ecco tutto quello che c’è da sapere per rendere una cena indimenticabile che stupirà gli amici con questo vino speciale ma di costo contenuto.

Un ospite che non può mancare in una cena e come renderla memorabile

Rendere un pranzo e una cena ottimi è una questione di dettagli. La scelta delle bevande è uno di quei particolari che fa la differenza. Il vino in tavola è l’elemento che può trasformare un pasto in un evento indimenticabile. La scelta non è solo una questione di colore (bianco o rosso?), o di bollicine (fermo o mosso?). È soprattutto una questione di qualità. E non bisogna essere dei sommelier per capire se un vino è buono. Basta assaggiarlo. E i vini di qualità non necessariamente costano un occhio della testa. Anzi, spesso si trovano al supermercato vini ottimi a qualche euro. Spesso in offerta.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Le caratteristiche della Bonarda

Uno di questi vini è la Bonarda. Un tipico rosso del nord, che viene coltivato nell’Oltrepò pavese e nel Piemonte. Si presenta con un colore rosso rubino intenso, facile da identificare anche per chi non è esperto. Al palato ha un sapore secco o amabile, appena tanninico, quindi dal gusto astringente, allappante. Può essere leggermente frizzante. È comunque un vino molto equilibrato.

Prima di ingerire un vino, e quindi gustarlo sul palato, andrebbe gustato con l’olfatto. La Bonarda si presenta con un profumo dolce che può richiamare il pepe nero. La sua gradazione alcolica è di circa 11 gradi.

Tutto quello che c’è da sapere per rendere una cena indimenticabile che stupirà gli amici con questo vino speciale ma di costo contenuto

Si serve in normali calici da vino rosso. Ideale sarebbe versarlo in un decantar mezzora prima si essere servito in tavola per farlo riposare e ossigenare. La temperatura ideale a cui servire è tra 16 e 18 gradi, quindi non conserviamolo in frigo.

Queste caratteristiche lo rendono un vino completo adatto per tutte le portate di un pasto. Ma se proprio vogliamo individuare dei piatti tipici, ecco che è perfetto da abbinare con antipasti di salumi e torte salate. Ed è ottimo con un primo di agnolotti o ravioli di carne e con secondi di carne bianche, arrosto o in umido. E per finire con formaggi a stagionatura media.

Il prezzo difficilmente supera i 10 euro per bottiglie di alta qualità. Ma non è raro trovare bottiglie e meno di 5 euro.

Approfondimento

A proposito di dieta, senza questi alimenti la vostra salute può avere grossi problemi

Consigliati per te