Se hai sempre l’alito cattivo, potresti soffrire di questa malattia

Se soffri di alitosi, ovvero se il tuo alito ha persistentemente un cattivo odore, generalmente non c’è nulla di cui preoccuparsi. Una migliore igiene orale è spesso la soluzione al problema. Talvolta, però, l’alitosi è un campanello d’allarme. Se hai sempre l’alito cattivo, potresti soffrire di questa malattia.

L’alitosi è un campanello d’allarme

L’alitosi è generalmente causata da un’igiene orale inadeguata. Quando non  si lavano i denti alla perfezione, infatti, le particelle di cibo fermentano nella bocca, causando cattivi odori. In questo caso, è utile non solo spazzolare i denti, ma anche usare il filo interdentale, bere più acqua e pulire la lingua.

Se ti prendi cura della tua igiene orale, ma soffri comunque di alitosi, dovresti consultare il tuo medico. Infatti, l’alito cattivo può essere spia di numerose patologie. Carie, colite, fibrosi cistica, gastrite, polmonite e tonsillite, solo per citarne alcune. Inoltre, se hai sempre l’alito cattivo, potresti soffrire di questa malattia: i calcoli tonsillari. Occorre prestare attenzione soprattutto se percepisci anche uno strano fastidio in gola. Proprio come se vi fosse rimasto incastrato un boccone che proprio non riesci a deglutire.

I calcoli tonsillari: cosa sono e come eliminarli

I calcoli tonsillari, responsabili dell’alitosi, sono delle formazioni di colore biancastro, simili a pietruzze. Si creano sulla superficie della gola e delle tonsille. Sono formati da batteri, resti di cibo e residui di muco calcificati. A causarli è un’alterazione del pH o della normale flora batterica che si trova nella bocca e nella gola.  A loro volta, queste alterazioni possono essere dovute a reflusso gastroesofageo, tonsilliti, un’igiene orale non adeguata o l’uso di alcuni farmaci. Inoltre, alcune tonsille sono semplicemente più predisposte ad accomodare questi sgraditi ospiti.

Se hai scoperto di avere i calcoli tonsillari, cosa puoi fare? Nella maggior parte dei casi non è necessaria alcuna terapia: i sassolini bianchi spariscono spontaneamente. Se però ti causano dolore, può essere necessario rimuoverli chirurgicamente, mediante una piccola incisione.

Approfondimento:

Non è solo l’odore dell’alito a essere un’utile spia di potenziali malattie. Anche percepire un sapore strano in bocca è un campanello d’allarme. Clicca qui se senti spesso uno sgradevole sapore metallico.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te