Quali sono gli errori più comuni da evitare per digerire bene alla sera e dormire nella maniera migliore soprattutto in primavera

Tutti quanti sappiamo che un buon sonno è fondamentale per la nostra salute. Riposare bene, che siano molto ore oppure meno, è determinante per affrontare la giornata al meglio. Alimentazione, attività fisica, sonno. Queste tre componenti sono assolutamente da curare, soprattutto con il passare degli anni. Magari non terranno lontani gli acciacchi, ma sicuramente ci permetteranno di affrontarli al meglio.

Testa e corpo dovrebbero andare sempre di pari passo. Quindi, dormire bene è essenziale per entrambi. Non si possono slegare. Non può riposare bene la testa, se non lo fa il corpo e viceversa. Al di là dello stress quotidiano che incide sul nostro sonno, anche una corretta alimentazione fa la sua parte. Per questo, bisogna fare molta attenzione a quello che si mangia a cena, ma non solo. È importante anche l’orario in cui si consuma il pasto e l’attività che si fa dal termine fino a quando ci si corica.

Vediamo allora alcune indicazioni che potrebbero permettere un sonno migliore. Innanzitutto, partiamo dai cibi che dovrebbero essere evitati a cena. Non sempre è possibile, soprattutto quando, magari, si cena fuori casa. Tuttavia, con un pizzico di attenzione, si potrebbe migliorare l’alimentazione per garantirci un sonno più rilassato.

Da evitare sono principalmente quei piatti pesanti da digerire. I fritti, in primis, ricchi di grassi che certamente non favoriscono la digestione. Subito a ruota seguono i cibi speziati. Questi potrebbero anche causare bruciore di stomaco, oltre a stimolare la sete.

Anche la carne rossa non dovrebbe essere consumata. Essa infatti rallenterebbe la digestione, perché piuttosto elaborata da smaltire. Di conseguenza, se proprio vogliamo mangiare della carne, meglio optare per quella bianca.

Quali sono gli errori più comuni da evitare per digerire bene alla sera e dormire nella maniera migliore soprattutto in primavera

Possibilmente da evitare anche i formaggi, freschi o stagionati che siano, oltre alla mozzarella. I latticini contengono molta tiramina, un aminoacido che, favorendo la produzione tra le altre di adrenalina, stimola il nostro sistema nervoso, diventando fastidioso per il nostro sonno.

Se poi volessimo chiudere la cena con un dolce, di per sé non proprio da consigliare, sarebbe meglio evitare di farlo con uno a base di cioccolato. Infatti, il cacao contiene alcune sostanze eccitanti che, unite agli zuccheri, andrebbero a inficiare il nostro riposo. Soprattutto per chi soffre di insonnia bisognerebbe smettere di consumarlo almeno 4 o 5 ore prima di andare a dormire.

Possiamo bere un digestivo? Assolutamente no, anzi. Essendo bevande alcoliche, queste vanno a incrementare la dose di zuccheri nel sangue, favorendo una crescita glicemica che può provocare sgraditi risvegli notturni.

Questo per quanto riguarda i cibi. Dopodiché, sarà fondamentale cenare almeno tre ore prima di mettersi a letto. Quindi, evitare di sdraiarsi sul divano immediatamente dopo la fine del pasto. Infatti, così facendo, la digestione verrebbe subito rallentata. Piuttosto, meglio una camminata, anche breve, di una decina di minuti, che migliorerebbe il processo digestivo.

Infine, sarebbe meglio evitare di farsi la doccia subito dopo aver mangiato. Questo perché, bagnandosi, il nostro corpo aumenterebbe di temperatura chiamando l’organismo a pompare più sangue. Così facendo, la digestione subirà un deciso rallentamento. Di conseguenza, è consigliato docciarsi prima di cenare.

Ecco, dunque, quali sono gli errori più comuni da evitare per avere una buona digestione serale e, di conseguenza, un sonno più rilassato.

Approfondimento

I 3 semplici consigli per combattere i segni del tempo e sembrare più giovani anche dopo i 50 anni e la menopausa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te