I 3 semplici consigli per combattere i segni del tempo e sembrare più giovani anche dopo i 50 anni e la menopausa

I segni del tempo che passa. Sembra una frase un po’ malinconica. Pensiamo a chi ama le cose antiche. In quelle parole ci può ritrovare solamente del buono. Più un mobile o un soprammobile dimostra i tanti anni che ha, più questo è visto come un pregio. Pensiamo, per esempio, a un restauro conservativo, che è fatto per mantenere le caratteristiche dell’oggetto in sé, senza necessariamente andare a riportarlo alle condizioni iniziali.

Pensiamo ora al nostro corpo. Senza volerlo paragonare a un oggetto da restaurare, possiamo dire che il procedimento da attuare è più o meno lo stesso. Non possiamo tornare indietro nel tempo, dobbiamo cercare di conservare al meglio quello che abbiamo attualmente. Senza dover per forza nascondere i segni dell’età che avanza. A meno che non si voglia ricorrere alla chirurgia estetica, ma questo è un altro discorso.

Da quando si entra nei fatidici “anta”, sia per le donne che per gli uomini, inizia un inevitabile declino fisico. C’è chi lo maschera meglio e più a lungo, chi invece non riesce o non vuole contrastarlo. Ci si convince che non si è più portati per l’attività fisica, ci si lascia andare a tavola e il risultato può essere molto pericoloso. Non solamente dal punto di vista estetico, ma anche e soprattutto per quello salutistico.

Certo, poi ci sono i super atleti anche a 70 anni, con un rigoroso controllo dell’alimentazione, finanche troppo rigido. Gli eccessi, sia in negativo che in positivo, difficilmente sono da prendere da esempio. Un buon equilibrio è quello che ognuno di noi dovrebbe perseguire, anche pensando alle proprie caratteristiche.

I 3 semplici consigli per combattere i segni del tempo e sembrare più giovani anche dopo i 50 anni e la menopausa

Quali consigli dare, soprattutto in questo periodo? Principalmente sono tre. L’attività fisica è fortemente suggerita. Può andare benissimo una camminata veloce, come già descritto qualche giorno fa. Essa deve essere eseguita con costanza, non come un dovere. Mentalmente dobbiamo sempre pensare che quello che stiamo facendo è per il nostro benessere. Certamente, in primavera, è molto più facile, visti il clima e la lunghezza delle giornate. Nelle altre stagioni meno, tra caldo asfissiante, pioggia e freddo intenso.

Secondariamente, ci dobbiamo concentrare sull’alimentazione. Ovviamente, dire di eliminare i vizi è molto scontato, ma se per tanti è parecchio complicato, evidentemente tanto banale non è. Il nostro metabolismo, dopo i 50, spesso cambia, soprattutto per le donne in menopausa. Di conseguenza, potremmo prendere peso, pur mantenendo inalterato il nostro regime alimentare nel corso degli anni. Per questo motivo, bisogna pensare di correggerlo, partendo da una colazione sana ed energetica, magari a base di tè verde, per concludere con una cena leggera, in cui infittire la presenza di pesce. Per accelerare il metabolismo, per esempio, possiamo introdurre cereali integrali, verdure come broccoli o cavolfiore, cibi ricchi di calcio come le mandorle.

Infine, bisogna bere e bere tanto. Non solamente quando si ha sete. Si beve per depurare l’intestino dalle tossine, per idratare la pelle così come l’organismo. Per questo, bisognerebbe sempre portare con sé una bottiglia d’acqua o una borraccia. Non solo, però, perché a questa sarebbe buona cosa associare anche un elevato consumo di frutta e verdura. Ecco, dunque, i 3 semplici consigli per combattere i segni del tempo e avere cura del proprio corpo, soprattutto una volta entrati negli “anta”.

Lettura consigliata

Come abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e quanto bisognerebbe camminare per farlo senza usare i farmaci

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te