Potremmo avere un ventre più piatto e zero scorregge puzzolenti con la profumatissima tisana del deserto che farebbe anche dimagrire

Le temperature si riscaldano e tutti sognano spiaggia e mare, oppure assolate montagne. In tutti e due casi ci si prepara corpo e spirito per quelle che sono delle vacanze liberatorie. Poiché anche l’occhio vuole la sua parte, ognuno applica qualche strategia per avere un ventre più piatto e meno chili da mostrare. Nella fretta di voler perdere peso, però, si potrebbero commettere degli imperdonabili errori. Si cercano di evitare pietanze giudicate eccessivamente caloriche, saltando a volte anche dei pasti. Tuttavia, si potrebbe invece dimagrire nel modo corretto, senza necessità di dover fare eccessivi sacrifici.

Infatti, è facile in questo campo cadere in errori che, invece di farci perdere peso, non cambierebbero per nulla la situazione. Uno di questi potrebbe essere l’eliminazione dalla propria alimentazione dei carboidrati. A volte pensiamo che potremmo avere un ventre più piatto e zero scorregge senza mangiare i carboidrati. Questi sono degli zuccheri, che vengono assorbiti lentamente dal nostro corpo. Li assumiamo quando mangiamo pane e pasta, riso e cereali vari. Molti li ritengono colpevoli dell’aumento di peso, forse perché d’inverno se ne mangiano di più. Invece, nelle giuste quantità, aiuterebbero il corpo a mantenersi in forma. Assorbiti lentamente dal corpo, allontanano quel senso di fame che ci porterebbe presto a mangiare altri alimenti. Eliminare perciò del tutto i carboidrati dalla dieta sarebbe un errore.

Potremmo avere un ventre più piatto e zero scorregge puzzolenti con la profumatissima tisana del deserto che farebbe anche dimagrire

Un aiuto per sgonfiare il ventre e liberarlo dai gas, che producono puzzolenti scorregge, potrebbe giungere dal tè. Soprattutto alcuni, infusi alle corrette temperature e con i giusti tempi, potrebbero rivelarsi utili. Fra questi, il tè nero, il tè verde e il tè bianco, fra i più comuni. Un tè delizioso e molto particolare è quello che si prepara nel deserto del Marocco. Una bevanda ricca di sostanze salutari e che, nello stesso tempo, da un gusto molto rinfrescante. Ideale proprio quando le temperature salgono e si cerca qualcosa che dia sollievo. Il tè, che si prepara con questa ricetta tradizionale, mette insieme il tè verde e la menta.

Il tè verde fu portato dagli inglesi nel 1800 in Marocco e ancora oggi si usa. Conosciamo prima di tutto le proprietà salutari di queste due piante. Il tè verde è ricco di potenti antiossidanti, che combatterebbero l’invecchiamento cellulare. Inoltre, accelererebbe il metabolismo dei grassi e degli zuccheri. In questo modo, agevolerebbe la diminuzione del peso corporeo. La menta rilasserebbe le pareti intestinali e aiuterebbe la fuoriuscita dei gas. Si consiglia infatti nel trattamento della sindrome del colon irritabile.

La preparazione del tè del Marocco

Per preparare questa stupenda bevanda, molto rinfrescante, seguiamo la sua preparazione. In una teiera calda si aggiunge un cucchiaino e mezzo di foglie di tè verde. Poi si versa poca acqua bollente per sciacquarle e si getta via l’acqua. Alle foglie del tè verde in teiera, si aggiungono un mazzetto di foglie di menta e 2 cucchiaini di zucchero. Si versa l’acqua bollente e si mette sul fuoco per 3 o 4 minuti. Al momento di servire, si solleva verso l’alto la teiera e si versa dall’alto nella tazza, secondo un’antica usanza. Avremo così un tè salutare e dal grande potere rinfrescante.

Approfondimento

Eviterebbe coaguli nel sangue e ridurrebbe grasso e colesterolo questo portentoso tè che però pochi conoscono

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te