Pochi sanno che questa è la frutta secca perfetta per abbassare la pressione alta

Per pressione alta si intende l’aumento dei valori normali della pressione arteriosa. Non è definita, di per sé, una malattia ma è un fattore che può annunciare l’insorgere di gravi patologie cardiovascolari come infarto e ictus.

Per questa ragione non deve essere sottovalutata ma controllata regolarmente, anche perché spesso non presenta con alcun sintomo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Mangiare sano e svolgere una regolare attività fisica ci può aiutare a riequilibrare i livelli della pressione arteriosa.

Pochi sanno che questa è la frutta secca perfetta per abbassare la pressione alta

Quando si parla di frutta secca si tende principalmente ad indicare noci, mandorle e nocciole, dimenticando gli anacardi.

Questo è un vero peccato perché anche essi contengono delle straordinarie proprietà benefiche per il nostro organismo.

L’anacardo è un frutto di origine tropicale, precisamente dell’Amazzonia, che non tutti ancora conoscono.

È un toccasana per la nostra salute ma bisogna porre attenzione a non eccedere nei consumi di questo alimento perché contiene molti grassi.

Gli anacardi hanno proprietà antiossidanti e pare abbiano anche la capacità di proteggere il nostro apparato cardiovascolare.

Sono, inoltre, una buona fonte di proteine per chi segue una dieta vegana poiché ne forniscono circa 20 g per ogni 100 g di parte edibile.

In pochi sanno che questa è la frutta secca perfetta per abbassare la pressione alta, perchè gli anacardi contengono magnesio, ma ottimo anche per contrastare il mal di testa dovuto all’emicrania e la stanchezza cronica.

Quindi, può essere un ottima idea inserirli in un’alimentazione sana ed equilibrata. Però è bene rivolgersi a un medico o a un nutrizionista per chiedere consigli e delucidazioni in merito. Questo perché una quantità elevata potrebbe promuovere la formazione di calcoli.

Come consumarli

Dell’anacardo si mangia il seme interno che deve essere sottoposto a una difficile lavorazione, dei quali, solo il 10% di essi supera il trattamento.

Per questa ragione, e perché è poco conosciuto ed utilizzato, soprattutto in Italia il loro prezzo è abbastanza elevato.

È consigliato consumarlo al naturale oppure tostato, ottimo come spuntino di metà mattina o pomeriggio.

Possiamo mangiarlo anche a colazione abbinato ad uno yogurt naturale magro, ai cereali e alla frutta di stagione che non deve mai mancare.

Gli anacardi devono essere conservati in luogo fresco e al riparo dalla luce oppure in un contenitore ermetico e conservati in frigorifero.

Si suggerisce generalmente di non eccedere i 30 g al giorno, quantità sufficiente per beneficiare di tutte le proprietà degli anacardi.

Approfondimento

Ne bastano solo 60 grammi a settimana per prevenire rischi cardiovascolari

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te