Pochi lo sanno ma secondo la scienza questa verdura estremamente salutare è formidabile per abbassare la glicemia e controllare il diabete

Le verdure sono alimenti a dir poco importanti per la nostra salute. Lo sappiamo bene, perché le nostre mamme ce lo hanno ripetuto fino allo sfinimento e gli esperti lo confermano. Noi tutti dovremmo sforzarci di integrarne il più possibile nella dieta quotidiana, inserendole nei nostri piatti.

Portatrici di numerosi benefici per l’organismo, alcune verdure sono di grande aiuto anche per contrastare gli alti livelli di zuccheri nel sangue. Una, nello specifico, è l’alleato principale in questo caso, ma forse non ce ne eravamo ancora resi conto. Infatti pochi lo sanno, ma secondo la scienza questa verdura estremamente salutare è formidabile per abbassare la glicemia e controllare il diabete.

La verdura che tutti dovremmo mettere in tavola

Secondo uno studio condotto dall’Università di Karachi, in Pakistan, gli asparagi sono un toccasana eccezionale per la lotta al diabete mellito di tipo 2. Per chi non lo sapesse è il tipo più diffuso di diabete e si manifesta soprattutto negli adulti. La causa principale è la carenza di insulina.

Pochi lo sanno ma secondo la scienza questa verdura estremamente salutare è formidabile per abbassare la glicemia e controllare il diabete. Proprio gli asparagi, infatti, stimolerebbero il pancreas a garantire un costante apporto di insulina all’organismo, migliorando l’assorbimento del glucosio.

Se non si è ancora convinti, basti pensare che 100 gr di asparagi contengono solamente circa 30 calorie. In più sono fonte di acqua, fibre, proteine, carboidrati e vitamine. Insomma, un alimento davvero salutare.

Qualche suggerimento in cucina

In generale sarebbe meglio evitare di cuocere gli asparagi, in quanto perderebbero parte delle loro proprietà nutritive. In ogni caso la cottura a vapore è il metodo più indicato per gustarli caldi. Questo perché mantiene intatti i livelli di vitamina B e sali minerali.

In linea di massima meglio poi consumarli freschi. Quando non è possibile, ad esempio in autunno e inverno, scegliamo quelli surgelati. Se conservati bene saranno buoni e nutrienti quasi come quelli appena raccolti.

Approfondimento

Questo riso è poco considerato ma è croccante, buono e genuino e un’arma in più per abbassare colesterolo e glicemia

Consigliati per te