Per ridurre velocemente l’umidità in casa bastano solo 3 furbi trucchetti a cui nessuno pensa mai

Con l’arrivo della stagione fredda le temperature si fanno più rigide ed aumenta anche l’umidità. In questo periodo diventa più difficile far asciugare il bucato e questo contribuisce all’aumento dell’umidità in casa.

Per questo motivo abbiamo svelato che per asciugare velocemente i panni stesi in casa bastano 7 semplici ma geniali trucchetti della nonna.

L’umidità causa anche cattivi odori e la fastidiosissima condensa. Se non prestiamo attenzione a questo problema, potrebbe anche formarsi la muffa e rovinare così le nostre pareti. Inoltre, la muffa può causare anche problemi respiratori.

Pertanto, oggi vogliamo spiegare che per ridurre velocemente l’umidità in casa bastano solo 3 furbi trucchetti a cui nessuno pensa mai.

Molti di noi credono che soltanto il deumidificatore possa risolvere il problema. Oltre al fatto che non tutti lo possiedono, questo strumento potrebbe anche fare salire moltissimo le nostre bollette.

Per risolvere questo problema senza spendere soldi possiamo ricorrere a dei metodi davvero molto semplici ed efficaci.

Se vogliamo saperne di più, consigliamo di continuare nella lettura di questo articolo.

Per ridurre velocemente l’umidità in casa bastano solo 3 furbi trucchetti a cui nessuno pensa mai

Il primo trucchetto consiste nel ridurre la quantità di piante in casa. Abbiamo precedentemente svelato che è incredibile come queste 4 piante permettano di combattere e prevenire la formazione della condensa in casa.

Tuttavia, la stragrande maggioranza delle piante fa aumentare parecchio il tasso di umidità dell’ambiente.

Per questo motivo, dovremmo cercare di ridurre il numero di piante in casa o almeno di riporle in luoghi ben arieggiati.

Questi luoghi possono essere i davanzali, in prossimità delle porte oppure, se le nostre sono piante resistenti, direttamente sul balcone.

In questo modo, noteremo subito che la percentuale di umidità in casa scenderà notevolmente.

Far arieggiare ma nei momenti giusti

Come già sappiamo fare arieggiare gli ambienti è il primo presupposto per tenere basso il livello di umidità in casa.

Tuttavia, solo pochi sanno che ci sono momenti più indicati di altri per farlo. Soprattutto con l’arrivo del freddo, sarebbe opportuno cambiare l’aria almeno 3 volte al giorno. In particolare, facciamolo nelle stanze in cui si produce più umidità come la cucina e il bagno.

I momenti migliori per farlo sono la mattina, dopo pranzo e prima di andare a letto. La mattina potremo rimuovere l’umidità accumulata durante tutta la notte.

Dopo pranzo riusciremo a smaltire il vapore creato in cucina preparando le pietanze. Infine, la sera prima di dormire elimineremo i vapori accumulati in cucina mentre prepariamo i pasti e in bagno dopo la doccia.

Sale e riso

Forse non tutti lo sanno, ma sia il sale, sia il riso sono metodi a costo zero che permettono di ridurre l’umidità in casa.

Basterà mettere qualche barattolo o bicchiere pieno di sale grosso o fino, oppure di riso, nelle stanze in cui si accumula più umidità. Questi riusciranno ad assorbire l’umidità in modo semplice, veloce e senza lasciare odori.

Ricordiamoci di sostituire il contenuto di questi barattoli almeno una volta ogni 4 giorni. In questo modo, riusciranno ad assorbire in modo più efficace l’umidità.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te