Oltre alle scarpe non dovremmo mai fare questi 3 regali ai matrimoni se vogliamo evitare figuracce con gli sposi

L’estate rappresenta assieme alla primavera il periodo delle celebrazioni. Eleviamo in alto i calici per celebrare la felicità, ma ricordiamoci anche di compiere atti graditi agli sposi. Molti sono terrorizzati dall’ipotesi di fare brutte figure di fronte a tutti. Discorsi poco memorabili, abbinamenti sbagliati e comportamenti fuori luogo potrebbero spaventare gli ospiti e rovinare questa bella giornata. Tra questi timori c’è anche quello di sbagliare il regalo. Dovremmo allora sapere che alcuni di questi sono da considerare fuori limite per una serie di ragioni.

Sull’atto della sconvenienza di regalare delle scarpe agli sposi c’è sostanziale concordanza in molti paesi del Mondo. L’origine di questo si perde tra le tante simbologie nefaste collegate. In primo luogo, presso alcune società antiche si registrava l’usanza di regalare questo accessorio ai defunti. Era un modo per augurare una serena passeggiata sul sentiero verso l’aldilà e l’infinito. Di certo poi simbolicamente le scarpe rappresentano l’atto di allontanarsi. Non il massimo quando si predica l’unione e la vicinanza per tutta la vita. Di certo poi l’utilizzo molto personale di questo oggetto rende ancora più sconveniente la scelta. Pur sapendo il numero ed i gusti del destinatario, questi potrebbe avere bisogno di caratteristiche particolari. Magari anche solo per ragioni anatomiche.

Ma oltre alle scarpe non dovremmo mai regalare questi pensieri. A meno che non sia la coppia stessa ad averne richiesto l’acquisto, come avviene nel caso delle liste di nozze.

Un legame diretto con i simboli

Molti considerano i coltelli e le lame, per quanto artigianali e lussuosi, un regalo di pessimo gusto. L’atto simbolico del dividere e del tagliare, infatti, porta uno squarcio di fatalismo nelle cerimonie. Ed il matrimonio, come sapremo per l’usanza di regalare gli anelli, è un momento molto legato ai simboli.

Persino le perle non godono sempre di una buona reputazione. Strano da dire, visto che la loro bellezza elegante e semplice è per molti irresistibile. La ragione in questo caso è dovuta all’origine della perla. Per alcuni il prodotto di una lacrima di rugiada. Per altri, invece, il prodotto delle lacrime della luna. Infine alcuni sostengono che i pescatori di perle giapponesi spesso morivano nelle spedizioni di ricerca, spezzando la vita coniugale con la moglie.

Oltre alle scarpe non dovremmo mai fare questi 3 regali ai matrimoni se vogliamo evitare figuracce con gli sposi

Il portafogli rappresenterebbe un’altra pessima idea regalo. La suggestione che trasmette è quella di assenza di benessere e di sostanze economiche. Si tratta di un brutto segno in vista di una vita che richiede molti sforzi. Recentemente, comunque, si sta diffondendo una tendenza per la quale una somma di denaro viene regalata agli sposi per far fronte alle prime incombenze della nuova vita.

Resta un fatto che a prescindere dalla stima che abbiamo per la superstizione, quello del matrimonio è pur sempre un atto legato a simbologie molto forti. Andare contro questa regola ci potrebbe fare apparire come persone fuori luogo.

Però potremmo distinguerci nel regalare un oggetto che rappresenta da millenni un portafortuna. Si tratta infatti di un piccolo animale che sembrerebbe avere capacità quasi magiche.

Lettura consigliata

Svelato il perché spesso vediamo un ananas sulle colonne dei cancelli e negli ingressi delle case

Consigliati per te