Oltre a tenere a bada colesterolo e glicemia, i fagiolini sarebbero anche molto importanti per queste funzioni

Tra pochissimi giorni entreremo ufficialmente in uno dei mesi più caldi dell’anno, ossia giugno. In questo periodo, molto frenetico per quanto riguarda la raccolta di frutta, verdura e ortaggi, possiamo portare a tavola degli alimenti davvero eccezionali. Tra questi spiccano i fagiolini, o anche detti cornetti, che non sono altro che i baccelli immaturi del fagiolo (Phaseolus vulgaris).

I fagiolini, oltre ad essere gustosi e versatili, godono di proprietà nutrizionali davvero molto interessanti. Infatti, contengono pochissime calorie (appena 31 ogni 100 g) e sono un’ottima fonte di fibre. Queste ultime favorirebbero non solo una corretta funzionalità dell’intestino, ma aiuterebbero anche a ridurre l’assorbimento di colesterolo e zuccheri. Per questo motivo, potrebbero essere inserite nelle diete di quei soggetti che hanno bisogno di controllare i livelli di colesterolo e glicemia.

Oltre a tenere a bada colesterolo e glicemia, i fagiolini sarebbero anche molto importanti per queste funzioni

I fagiolini, inoltre, contengono anche discrete quantità di:

  • vitamine A, luteina, zeaxatina e caroteni, che aiuterebbero a difendere l’organismo dai radicali liberi;
  • vitamine del gruppo B, che favorirebbero un buon funzionamento del metabolismo;
  • folati e vitamina B12, che partecipano alla sintesi del DNA;
  • vitamina C, che giocherebbe un ruolo fondamentale nella difesa contro gli agenti infettivi;
  • sali minerali tra cui il potassio, che favorirebbe una buona salute cardiovascolare, e il manganese.

Nonostante questi elementi siano molto importanti per l’organismo, bisogna ricordare che i fagiolini contengono anche acido ossalico, una sostanza che favorirebbe la formazione dei calcoli. Quest’ultima è presente anche in altri tipi di ortaggi, come ad esempio le patate dolci.

Grazie al loro gusto fresco, i fagiolini si possono servire come contorno, irrorandoli con un filo di olio EVO, dopo averli sbollentati. Oppure si possono abbinare ad altri ingredienti e renderli protagonisti di tantissime ricette. Nelle prossime righe ne sveleremo una in particolare che ci sorprenderà per la sua bontà e semplicità di esecuzione.

Gusto, semplicità e nutrimento

Quindi, abbiamo appena visto che i fagiolini, oltre a tenere a bada colesterolo e glicemia, godono di tantissime altre proprietà. Inoltre, sono anche molto versatili in cucina e si possono utilizzare in tantissime ricette.

Un piatto molto semplice, veloce e nutriente che possiamo realizzare con questi baccelli è la frittata di piselli, fave e fagiolini. Una volta procuratisi 200 g di ogni ortaggio, laviamo per bene i fagiolini e priviamoli delle estremità. Dopo di che estraiamo dai baccelli sia i piselli che le fave e mattiamoli da parte.

Ora, in un ampio tegame, lasciamo soffriggere dell’olio EVO con uno spicchio d’aglio. Fatto ciò, aggiungiamo prima i piselli e lasciamoli cuocere per 5 minuti, versando un paio di mestoli di acqua. Trascorso il tempo necessario, versiamo le fave e cuociamo per altri 5 minuti, aggiungendo la giusta quantità di sale e pepe.

A questo punto aggiungiamo i fagiolini e cuociamo per altri 10 minuti, versando nuovamente dell’acqua per facilitare la cottura. Nel frattempo, in una ciotola, mescoliamo 5 uova, aggiungendo 45 g di Pecorino Romano ed un pizzico di sale. Fatto ciò, inseriamo nell’uovo le verdure cotte e raffreddate e mescoliamo bene il tutto. Ora non ci resta che versare il composto in una padella e cuocere la frittata da entrambi i lati.

Lettura consigliata

Sembrerà di stare in un ristorante stellato con questi antipasti gourmet facilissimi da preparare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te