Non solo ansia e affaticamento ma il mal di testa potrebbe dipendere anche da queste condizioni insospettabili

emicrania

Il mal di testa è una delle forme di dolore più diffuse e che colpisce oltre 7 milioni di persone. Un malessere che riguarda tutto il capo o solo una parte di esso.

Si presenta come un peso o un cerchio alla testa e colpisce sia bambini che adulti. Il dolore potrebbe essere più o meno intenso e costringerci a rimanere a letto anche per intere giornate.

Il mal di testa generalmente viene curato assumendo dei farmaci antidolorifici. Ma anche il riposo e bere molti liquidi potrebbero aiutare ad alleviare il dolore.

Naturalmente, se siamo di fronte ad un problema frequente e che non migliora con i medicinali, sarebbe sempre opportuno rivolgersi al medico di fiducia.

Fattori che potrebbero scatenare il mal di testa

Quindi, il mal di testa è una patologia molto diffusa. Le cause scatenanti potrebbero essere davvero molte. Ad esempio, dipendere dall’eccesso di questa vitamina nell’organismo.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, i fattori che influenzerebbero il dolore sarebbero molteplici.

Pensiamo ad una postura scorretta, che potrebbe provocare delle tensioni muscolari al collo e alla schiena. Ma anche, con lo stress e la rabbia, i muscoli del cranio e del collo potrebbero irrigidirsi, provocando una sensazione di oppressione alla testa.

Non solo ansia e affaticamento ma il mal di testa potrebbe dipendere anche da queste condizioni insospettabili

Nelle righe precedenti abbiamo descritto alcuni fattori che potrebbero provocare il mal di testa. Ma non tutti sanno che anche l’alimentazione giocherebbe un ruolo fondamentale. Infatti, limitare o abolire l’assunzione di alcuni cibi, aiuterebbe a ridurre il problema.

Ad esempio, parliamo di alimenti che non sono facilmente digeribili. Tra questi troviamo: gli agrumi, la frutta secca, le banane mature, lo yogurt, il cioccolato e tutte le bevande che contengono teina e caffeina (anche se il caffè in dosi contenute potrebbe risolvere il problema).

Facciamo attenzione, anche, alle sostanze contenute negli alimenti, che potrebbero provocare dei problemi. Pensiamo ai nitrati che si utilizzano per conservare i salumi e i tannini contenuti nel vino.

Quindi sarebbe responsabile del mal di testa, non solo ansia e affaticamento, ma anche un’alimentazione sbagliata.

Non dimentichiamo che alcune sostanze chimiche contenute nei profumi, nei detergenti e nei deodoranti, potrebbero stimolare l’area del cervello collegata al mal di testa.

Quindi il consiglio sarebbe quello di utilizzare delle profumazioni non troppo intense e aggressive, ma anche arieggiare spesso la casa e l’ambiente di lavoro.

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te