Meno calorie e carboidrati ma molto gusto con questi sostituti della pasta

È la regina delle nostre tavole, insostituibile e dal gusto inconfondibile, orgoglio italiano: la pasta. Cosa c’è di meglio di un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino quando si va di fretta?

La pasta sembra essere l’alternativa più gustosa e veloce, ma siamo sicuri che essa sia anche l’alternativa migliore per la nostra salute?

Perché quella che solitamente riempie i nostri piatti è una pasta di grano duro estremamente lavorato e spogliato di ogni nutriente.

Dunque, la prima regola da seguire per un’alimentazione bilanciata e sana è quella di consumare cereali integrali che hanno meno calorie e carboidrati e più nutrienti.

Inoltre è possibile sostituire anche il pane in uno schema alimentare bilanciato.

Meno calorie e carboidrati ma molto gusto con questi sostituti della pasta

Oggi giorno di alternative alla pasta però ce ne sono davvero tante e tutte molto gustose ma con un ridotto contenuto di carboidrati e tanti più nutrienti, ma vediamo quali.

Possiamo optare per i noodles, spaghetti di grano saraceno a ridotto contenuto di carboidrati ma ricchi di nutrienti come ad esempio il manganese, utile per le nostre ossa.

O ancora è possibile optare per gli shirataki, spaghetti ricavati dalla radice di konjac una pianta simile alla barbabietola. Essi non hanno glutine e presentano un basso contenuto di carboidrati. Inoltre, hanno davvero poche calorie basti pensare che 100 g contengono all’incirca 10 kcal.

Ma una vera delizia per sostituire la pasta sono gli spaghetti di zucca, che si ricavano direttamente sfilettando la zucca. Essi hanno un basso contenuto di carboidrati e soprattutto presentano poche calorie ma molti nutrienti, come le vitamine e il carotene. Posseggono anche una grande percentuale di fibre, per tanto risultano più leggeri e digeribili.

Dunque, meno calorie e carboidrati ma molto gusto con questi sostituti della pasta.

Come fare a sostituire la pasta

Le sostituzioni più classiche invece avvengono con i cereali, come il riso, il farro, l’orzo ma anche con le patate.

In merito alle sostituzioni da effettuare le tabelle nutrizionali ci danno informazioni molti utili.

Ad esempio, per sostituire la pasta con altri cereali come cous cous, riso, farro il rapporto e di 1:1. Dunque, stesse dosi, esempio 50 g di pasta equivalgono a 50 g di riso.

Se invece la sostituzione è con il pane bisogna calcolare il 30% in più. Quindi 50 g di pasta corrispondono a 80 g di pane.

Mentre se la sostituzione avviene con le patate il rapporto da seguire è di 1:4. Dunque, 50 g di pasta equivalgono a 210 g di patate.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te