Lo strano caso dei minor consumi di verdure già lavate e tagliate

Le nuove abitudini di acquisto nel periodo della pandemia ha generato lo strano caso dei minor consumi di verdure già lavate e tagliate. L’ Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, acronimo ISMEA, ha messo in evidenza come gli ortaggi IV gamma in Italia abbiano segnato un cedimento.

L’ente pubblico economico nazionale sottoposto alla vigilanza del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ritiene che questo dato in controtendenza sia dovuto a due particolari motivi che ora vedremo. Ebbene il maggior tempo trascorso in casa dagli italiani e la minore necessità di preparare un pasto leggero da portare in ufficio hanno ridotto l’acquisto di insalate pronte da mangiare. Di conseguenza gli italiani hanno fatto favorito le  preparazioni casalinghe risparmiando nel contempo rispetto ai piatti pronti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Mentre prima della pandemia gli ortaggi IV gamma avevano il compito di sostituire i prodotti tradizionali, il coronavirus ha costretto un cambio di tendenza.

Uno sguardo ai prezzi

Le insalate in cespo hanno un prezzo di 2,19 euro al chilo mentre in busta costano 7,21 euro al chilo. A parità di peso, come si può ben vedere, c’è un differenziale del 329%. Lo stesso si può dire per il differenziale delle carote tra il prodotto fresco come in natura e quello lavato e tagliato. Le carote tal quale hanno un costo di 1,28  euro al chilo mentre le carote lavate e tagliate costano 4,39 euro al chilo.

Il resoconto

Dunque l’’ISMEA ha verificato nel 2020 una flessione del 4% delle quantità acquistate e del 5,6% della spesa. Eppure nello stesso arco di tempo l’intera categoria degli ortaggi freschi ha avuto una performance molto positiva. Con il 2021 le vendite di ortaggi di IV gamma hanno messo a segno un leggero rimbalzo.

Il profilo del consumatore

I consumatori preferiscono il consumo dei prodotti orticoli di IV gamma. Il profilo prevalente della famiglia acquirente è rappresentata da una coppia di 45-54 anni, residente nel nord ovest, reddito medio-alto, che effettua i suoi acquisti prevalentemente nel supermercato. Lo strano caso dei minor consumi di verdure già lavate e tagliate chissà fino a quando durerà.

Consigliati per te