Lo mangiano quasi tutti a colazione, ma pochi conoscono il suo elevato indice glicemico 

Soprattutto con il passare degli anni, si tende a fare più attenzione alla propria salute e, di conseguenza, all’alimentazione. Se, infatti, da giovanissimi non si da troppo peso a ciò che si mangia, se non per una questione di linea, da adulti le cose cambiano.

Del resto, i disturbi e le malattie diventano una minaccia più reale e giustamente molte persone cercano di correre ai ripari. In primis, seguendo una dieta equilibrata e che contenga, non solo un giusto apporto calorico, ma anche un buon equilibrio tra i macronutrienti.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Una facile confusione

Tra i valori degli alimenti che siamo soliti osservare e controllare, senza dubbio, troviamo quello relativo all’indice glicemico. Difatti, sia per i soggetti che soffrono di diabete o iperglicemia, come anche per i soggetti sani, è molto importante seguire una dieta alimentare che non presenti alimenti con alto indice glicemico.

Se in alcuni casi scovare quest’ultimi è molto facile, come ad esempio con i dolci o con gli ingredienti molto zuccherati, in altri risulta più difficile. Per questo motivo, nel prossimo paragrafo, ne andremo a svelare uno molto amato e consumato, soprattutto durante il primo pasto della giornata.

Lo mangiamo quasi tutti a colazione, ma pochi conoscono il suo elevato indice glicemico

Abbiamo avuto più volte modo, nel corso dei mesi passati, di parlare dell’indice glicemico e di come cercare di assumere alimenti che non lo presentassero elevato. Ad esempio, abbiamo presentato la pasta magra e leggerissima da magiare senza preoccuparsi di fare la cosa sbagliata.

Oggi continuiamo ad approfondire l’argomento, ma svelando, questa volta, le caratteristiche a molti sconosciute di un alimento comune e amato. Difatti, lo mangiano quasi tutti a colazione, ma pochi conoscono il suo elevato indice glicemico. Stiamo parlando dei buonissimi corn flakes.

Da aggiungere ad una calda tazza di tè o ad un gustoso bicchiere di latte, i corn flakes si rivelano per moltissimi l’opzione migliore per fare colazione. Per quanto si tratti di un alimento nutriente e gustoso, però, è importante tenere conto di un fatto. Ovvero, che questo ingrediente presenta un indice glicemico piuttosto elevato. Si attesta, infatti, ad un valore vicino all’80.

Ricordiamo che ogni indice superiore al 70 comincia ad essere considerato come alto. Ovviamente, l’indice glicemico di un alimento, da solo, non sarà l’unica discriminante da dover considerare. Difatti, ci sono altri fattori che entrano in campo, quali, ad esempio, la quantità e la frequenza con cui mangiamo quell’ingrediente. Nonché, ovviamente, a quali altri alimenti decidiamo di unirlo.

Tuttavia, prendendo coscienza del fatto che presenta un alto indice glicemico, sarebbe consigliato regolarsi nella sua assunzione. Soprattutto per chi è più vulnerabile in questo senso. In caso di dubbi, comunque, suggeriamo, come sempre in questi casi, di parlare con il proprio medico. Di modo da concordare con quest’ultimo se e quando inserire i corn flakes nella propria dieta.

Approfondimento

Attenzione perché la glicemia schizza in alto con questi alimenti a forte indice glicemico.

 

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te