La primavera è il momento più adatto per seminare la pianta aromatica simbolo della nostra dieta mediterranea. Vediamo come fare

Il basilico è forse la pianta aromatica che maggiormente rappresenta la dieta mediterranea. Questa pianta proviene dall’oriente, ma è entrata a far parte della nostra cultura culinaria da secoli ormai. Ci sono molti modi per coltivare questa profumatissima piantina. Il metodo più comune, infatti, è quello di comprare delle piccole piantine già belle e fatte e al massimo rinvasarle in un vaso più grande, per poterle fare espandere. Ma la semina è quella che forse ci da le soddisfazioni maggiori. Vedere come da dei piccoli semini esce fuori la nostra bella pianta di basilico. Peraltro, la primavera è il momento più adatto per seminare la pianta aromatica, simbolo della nostra dieta mediterranea. Vediamo allora come si fa.

I semini nei fiori

Come sappiamo, il basilico sviluppa dei piccoli fiori, che a seconda della tipologia possono essere bianchi o bluastri. All’interno di questi fiori vi troviamo dei piccolissimi e sottili semini allungati, di colore scuro, quasi nero. Ecco, sono proprio loro i semini che ci servono per poter effettuare la semina. Ed è la primavera il momento più adatto per seminare la pianta aromatica simbolo della nostra dieta mediterranea.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Perché la primavera è il momento più adatto per seminare la pianta aromatica simbolo della nostra dieta mediterranea?

La risposta a questa domanda è molto semplice. La primavera è il momento più adatto perché il basilico non tollera affatto il freddo. Se la temperatura scende al di sotto dei 10 gradi si rischia di gelare la pianta. C’è infatti chi si attrezza con dei semenzai che permettono di mettere al riparo i vasetti di basilico nel caso di ultimi sprazzi di freddo. In questo modo la semina può essere leggermente anticipata. Ma se non vogliamo correre rischi, e soprattutto se vogliamo coltivare la nostra pianta di basilico nel nostro orto, allora sarà assolutamente il caso di attendere aprile e maggio.

Come seminare il basilico

I semini del nostro basilico non necessitano di essere posizionati troppo in profondità, vista la loro dimensione. Anzi, è meglio non esagerare.

Ciò di cui invece hanno bisogno è un terriccio bello sciolto, che permette un buon drenaggio. Lavorarlo bene prima di piantare i semini è assolutamente indicato. Un altro punto importante per il nostro basilico piantato è quello di non fare mai mancare l’acqua. Se decidiamo di seminare sul terreno e non in vaso, allora sarà meglio distanziare i semini di almeno 30 centimetri tra loro. Sul terreno, infatti, la pianta ramifica in modo più importante ed è giusto lasciarle lo spazio che le serve. Se tutto è filato liscio, dovremmo vedere germogliare la nostra piantina di basilico già dopo due settimane circa.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te