Finalmente gli scienziati avrebbero svelato se il caffè con lo zucchero fa male e quante tazzine dovremmo berne ogni giorno

Miele, stevia, sciroppo d’agave, zucchero di canna… Siamo sempre alla ricerca di nuove alternative per dolcificare il caffè. Ma siamo sicuri che il semplice zucchero faccia male? Vediamo cosa emerge da un recente studio.

Una bevanda dalle proprietà benefiche

Sui benefici del caffè per la salute ci sono tanti dubbi: la bevanda più amata dagli italiani aiuta il cuore oppure fa male? Quante tazzine è consigliabile berne ogni giorno? Bisogna preferire il classico espresso o altri tipi di caffè? I ricercatori stanno lavorando da tempo per rispondere a queste e altre domande. In particolare, un recente studio ha cercato di svelare se il caffè rimane benefico anche quando aggiungiamo lo zucchero. A condurre la ricerca sono stati gli scienziati della Southern Medical University di Guangzhou (Cina) e i risultati sono pubblicati sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Innanzitutto gli scienziati hanno affermato che il caffè non sarebbe dannoso per la salute, ma anzi potrebbe allungare la vita. I motivi non sono del tutto chiari e altri studi sono necessari per confermare e spiegare i risultati. Ma si sa che il caffè è ricco di nutrienti importanti, come:

  • vitamine del gruppo B;
  • potassio;
  • riboflavina;
  • composti dalle proprietà antinfiammatorie, che potrebbero ridurre il rischio di cancro;
  • acidi clorogenici dall’azione anticoagulante, che potrebbero aiutare a prevenire malattie cardiovascolari;
  • sostanze che migliorano l’attenzione e la memoria.

Tutti questi benefici potrebbero addirittura farci vivere più a lungo. Lo studio riporta che chi beve caffè non dolcificato ha fra il 16% e il 21% di probabilità in meno di morire prima dei non bevitori di caffè. Ma questo vale anche se aggiungiamo lo zucchero?

Finalmente gli scienziati avrebbero svelato se il caffè con lo zucchero fa male e quante tazzine dovremmo berne ogni giorno

Secondo i ricercatori anche il caffè con lo zucchero non sarebbe dannoso, ma anzi avrebbe dei benefici per la salute. I dati raccolti dagli scienziati mostrano che le persone che bevono il caffè dolcificato hanno tra il 29% e il 31% di probabilità in meno di morire rispetto a chi non ne assume. Certo, dipende anche da quanto zucchero aggiungiamo. Ma in media le persone si limitano a un cucchiaino, che corrisponde a circa 16 calorie: non una differenza enorme rispetto al caffè amaro. Un altro fattore a cui fare attenzione è il numero di caffè che beviamo al giorno. Lo studio ha evidenziato che i benefici per la salute valgono per chi beve meno di quattro tazzine di caffè al giorno. Chi supera la quantità consigliata presenta un aumento del rischio di morire precocemente.

I caffè speciali

Da ultimo, attenzione ai caffè speciali. Finalmente gli scienziati avrebbero svelato se il caffè con lo zucchero fa male oppure no, concludendo che la bevanda potrebbe ridurre il rischio di morte precoce. Tuttavia questo non vale per frappuccini, caffè aromatizzati con sciroppi vari e altre varianti speciali del caffè. Queste contengono infatti molti grassi e centinaia di calorie: si tratta dunque di un dessert da concedersi ogni tanto, non certo di bevande da consumare tutti i giorni al posto di un semplice espresso. Se proprio vogliamo gustare il caffè in versione golosa, piuttosto possiamo preparare dei budini cremosi ai semi di chia ricchissimi di omega 3.

Approfondimento

Chi beve due tazze di caffè al giorno ha più probabilità di guarire da questo tumore

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te