blank

Ecco il metodo della nonna per preparare un fantastico olio piccante a lunga conservazione e senza rischi per la salute

Per gli amanti del piccante in cucina, l’olio al peperoncino deve essere una presenza fissa a tavola. Tutti sappiamo quanto sia buono da utilizzare per aggiungere quel tocco di piccantezza in più alla pasta, alle verdure, alla carne e così via.

Ma oltre alla sua bontà è anche molto facile da preparare. Nonostante si possa trovare già pronto al supermercato, nessuno ci vieta di poterlo fare a casa, come si faceva una volta.
Infatti, ecco il metodo della nonna per preparare un fantastico olio piccante a lunga conservazione e senza rischi per la salute.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come si possono sanificare i vasetti di vetro?

Innanzitutto, come già chiarito dal Ministero Della Salute, quando si tratta di preparare conserve fatte in casa, bisogna attuare delle precauzioni. Questo per evitare il proliferare di batteri e tossine che possono compromettere la nostra salute.

Un procedimento necessario da fare prima di preparare qualsiasi conserva è quello di sanificare i contenitori ed i tappi. Per fare ciò, basterà immergerli in acqua bollente per almeno 30- 40 minuti.
In secondo luogo, tutta la preparazione deve essere condotta indossando guanti in lattice e con posate pulite.

Preso atto di ciò, ecco il metodo della nonna per preparare un fantastico olio piccante a lunga conservazione e senza rischi per la salute.

Come si prepara l’olio piccante?

Per questa preparazione abbiamo deciso di impiegare mezzo kg di peperoncini freschi. Tuttavia, la quantità di peperoncino da utilizzare dipende dalle esigenze e dal consumo che poi ne si fa. In ogni caso basta adattare le quantità e fare le dovute proporzioni.

Dopo aver lavato ed asciugato i peperoncini, tagliamoli a rondelle. Fatto ciò poniamoli in uno scolapasta, o in un setaccio, e scuotiamoli cercando di togliere più semini possibili.
Ora cospargiamo 50 grammi di sale sul nostro peperoncino ed amalgamiamo, aggiungendo anche un cucchiaino di aceto. Questi due elementi serviranno a conservare più a lungo i peperoncini.

A questo punto, lasciamoli a macerare per 24 ore, così da farli scolare dall’acqua di vegetazione.
Trascorso il tempo necessario, possiamo direttamente metterli nei vasetti coprendo con olio extra vergine di oliva.

La raccomandazione importantissima è quella di non riempire il vasetto fino all’orlo. È necessario infatti lasciare il cosiddetto “spazio di testa” per garantire la formazione del vuoto.

Approfondimento

Il trucco geniale per avere basilico infinito a costo zero e sempre a portata di mano per tutto l’anno.

Consigliati per te