Ecco cosa bisogna sapere prima di versare questo ingrediente comune sulle piante

Il web impazza di rimedi miracolosi grazie ai quali coltivare piante perfette e fiori meravigliosi. Uno fra i rimedi maggiormente utilizzati per far questo è l’aceto. Esso diventa un rimedio biologico e naturale per le piante fiorite. Tuttavia, ecco cosa bisogna sapere prima di versare questo ingrediente comune sulle piante di casa.

L’aceto non è sempre il rimedio adatto per annaffiare le piante e, in alcuni casi, arriva a rappresentare un problema deleterio. La redazione di Casa e Giardino di ProiezionidiBorsa intende guidare i propri Lettori nell’utilizzo di questo ingrediente nel giardinaggio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Quando usare l’aceto

La Redazione inizierà elencando i casi in cui l’aceto rappresenta una buona soluzione per le piante. Oltre a costituire un diserbante naturale, l’aceto è un ottimo rimedio per modificare il pH del terreno. Alcune piante, dette acidofile, prediligono terricci naturalmente acidi.

Per tale motivo, l’aceto rappresenta un ottimo rimedio se impiegato nella cura delle piante appartenenti a questa famiglia. Tra le maggiori l’ibisco, il bouganville, azalee, camelie, ortensie e magnolie. Queste piante prediligono terreni acidi con un pH inferiore a 7.

Inoltre, il terriccio non dovrebbe presentare calcare e il vaso dovrebbe disporre di una pacciamatura a base di corteccia. Seppur l’aceto rappresenti un ottimo rimedio nella cura delle piante acidofile, è fondamentale dosarne bene l’utilizzo in questo modo.

Piante acidofile

Ecco cosa bisogna sapere prima di versare questo ingrediente comune sulle piante acidofile. Le dosi dell’aceto sono fondamentali per la buona o la cattiva riuscita di questo genere vegetale. Consigliamo di diluire 15 milligrammi di aceto in 10 litri di acqua e lasciar in posa per almeno 10 ore.

Basterà annaffiare le piante prima descritte con quest’acqua acidulata. L’aceto combatterà l’azione del calcare, estremamente deleterio per piante di questo tipo. Esso fornirà anche una buona quantità di ferro.

Quando non usarlo

Viceversa, annaffiare le altre tipologie di piante (non acidofile) irrorando direttamente dell’aceto nel terreno può anche determinarne la morte. Quindi l’aceto è un rimedio naturale estremamente valido nel giardinaggio, con riferimento ad alcune specie vegetali; in molti altri casi, però, è pericoloso per la salute delle piante, specie se dosato in maniera non corretta.

Approfondimento

Per conoscere un altro importante impiego dell’aceto nel giardinaggio, la redazione rimanda la lettura di questo precedente articolo.

Consigliati per te