Crampi alle gambe e muscoli induriti anche di notte potrebbero essere l’avvisaglia di queste patologie da non sottovalutare

Può capitare all’improvviso di sentire i muscoli contrarsi e un forte dolore attraversare le gambe. Talvolta, questi sintomi potrebbero svegliarci nel cuore della notte, senza possibilità di riuscire a riaddormentarci a causa del dolore. In questi casi, potrebbe trattarsi di crampi muscolari. Il rischio di svilupparli potrebbe dipendere da diversi fattori, tra cui l’avanzare dell’età, la disidratazione o la presenza di alcune patologie, come il diabete. In genere innocui, certe volte i crampi muscolari potrebbero essere anche i segnali di una patologia o di specifiche condizioni fisiche.

Crampi alle gambe e muscoli induriti anche di notte potrebbero essere l’avvisaglia di queste patologie da non sottovalutare

Quando vengono i crampi, le prime cause a cui si pensa sono quelle più comuni, dall’esercizio fisico intenso a una posizione tenuta troppo a lungo. Anche la disidratazione e l’assunzione di certi farmaci, come i diuretici, potrebbero causare i crampi muscolari. Tuttavia, in certi casi, potrebbe trattarsi di qualcosa di più grave. Una prima causa potrebbe essere il restringimento di alcune arterie, in particolare quelle che portano il sangue alle gambe. Un’altra causa sarebbe la compressione dei nervi che si trovano nella zona lombare della colonna vertebrale. Potremmo anche trovarci di fronte a malattie del sistema muscolare oppure di tipo neurologico.

Infine, i crampi potrebbero essere legati a un livello sballato di certi nutrienti come il potassio, il calcio o il magnesio. Spesso si dice, in questi casi, di mangiare una banana, ma innanzitutto il frutto più ricco di potassio sarebbe un altro, anche se pochi lo sanno. Inoltre, qualunque sia la causa, sarà opportuno consultare il medico per escludere eventualmente i casi più gravi.

3 semplici azioni da fare per prevenire le cause di questa condizione fisica

Per provare a prevenire i crampi muscolari, ci sarebbero alcune azioni da fare che potrebbero aiutare. La prima sarebbe evitare di arrivare alla disidratazione, bevendo a sufficienza. Se l’acqua dopo un po’ viene a noia, si può provare una bevanda comunissima che sarebbe d’aiuto per reidratarsi. Inoltre, prima e dopo uno sforzo fisico bisognerebbe fare un po’ di stretching per i muscoli. Per avere degli esercizi sempre pronti all’uso, o impostare dei programmi personalizzati, si possono installare sullo smartphone delle applicazioni per fare ginnastica a casa.

Per prevenire crampi alle gambe e muscoli induriti che compaiono di notte, qualche esercizio di stretching prima di andare a letto potrebbe aiutare. Inoltre, si potrebbe aggiungere qualche minuto di cyclette o un’altra attività fisica leggera.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te