Cosa fare dei bulbi sfioriti e la tecnica per conservarli

Il periodo dei giacinti è iniziato in anticipo. In genere la fioritura è prevista in marzo, ma viene ormai anticipata a gennaio. I fiori colorati invadono col loro profumo la stanza in cui si trovano.  Sono anche bellissimi da vedere. Il giacinto, infatti, è un fiore perfetto per abbellire la propria casa.

Purtroppo, però, la fioritura non ha lunga durata. Dopo una settimana dalla fioritura massima, i fiori cominciano ad appassire. Una volta che i fiori sono tutti caduti, c’è un procedimento che permette di essiccare nuovamente il bulbo e prepararlo per la fioritura dell’anno successivo. Allora, ecco cosa fare dei bulbi sfioriti e la tecnica per conservarli.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Lo stelo fiorito

Quando la fioritura è stata completata, ci sono due possibili cose da fare. Si può recidere il gambo fiorito e metterlo in acqua; oppure, si può attendere che sfiorisca.

In entrambi i casi, il bulbo deve continuare ad essere innaffiato. Un errore comune è tagliare via le foglie dopo la fioritura. Questo non permette al bulbo di completare la fase di nutrimento. Lasciando le foglie fino a che sono verdi, queste danno nutrienti al bulbo, poi ingialliscono e infine seccano.

Cosa fare dei bulbi sfioriti e la tecnica per conservarli

Solo quando le foglie sono completamente secche possono essere tagliate. Il bulbo, invece, deve essere spiantato dal terreno e ripulito delicatamente. Come quando è stato acquistato, dovrà essere riposto in una scatola -bisognerà ricavare dei buchi per l’aerazione- o in un sacchetto di carta. In questo modo si conserverà in un luogo buio fino all’anno successivo.

La fase successiva, nel mese di luglio, sarà quella di mettere a dimora il bulbo. Questo significa interrarlo direttamente nel terreno o in un vaso. È bene prima effettuare un controllo col quale ci si accerta che il bulbo è integro. Deve, infatti, presentarsi turgido e pieno. Purtroppo, in quanto bulbi che hanno subito una fioritura “forzata”, impiegheranno almeno due anni per rifiorire in primavera.

Anche gli altri tipi di bulbi possono ricevere lo stesso trattamento. Quindi, si dovrà sempre attendere la fioritura completa, poi l’essiccazione delle foglie. Solo dopo si può recidere tutto e conservare il bulbo.

Approfondimento

Come e quando travasare la vostra orchidea

Consigliati per te