Cosa contiene la carne di vitello e quanta consumarne a settimana

Esistono tanti tipi di carne, che avranno anche un gusto e sapore diverso l’una dall’altra. Tra le varie tipologie amate da sempre c’è la carne di vitello. Si presenta tenera e si presta ad essere utilizzata in tanti modi. Difatti si possono fare cotolette, scaloppine, involtini, ecc. Oltre ad essere tanto buona, presenterebbe degli effetti benefici per la salute dell’uomo. Ovviamente le quantità dovranno essere adeguate e non bisogna esagerare. Nel dettaglio andiamo a vedere meglio i suoi valori nutrizionali su 100 g di vitello crudo:

  • 143 kcal;
  • 20 g di proteine;
  • 6,7 g di lipidi;
  • 71 mg di colesterolo.

È ricco di vitamine del gruppo B e contiene sali minerali quali ferro, zinco, magnesio e calcio. Spesso viene considerata una carne bianca, ma in realtà è rossa e proprio per questo il consumo deve essere moderato.

Cosa contiene la carne di vitello e quanta consumarne a settimana

Da come possiamo notare, il suo contenuto di proteine è elevato. Grazie a questo la carne di vitello aiuterebbe il metabolismo. Inoltre abbiamo detto che è ricca di vitamine del gruppo B. In particolar modo è presente la vitamina B12, che consentirebbe un ottimo funzionamento del sistema nervoso. La presenza di calcio e altri sali minerali andrebbe a rafforzare le ossa. Inoltre, la carne di vitello ha un buon contenuto di vitamina D, indispensabile per l’assorbimento di calcio, garantendo la calcificazione delle ossa. Questo, in particolare, è un aspetto molto importante per chi fa sport, per evitare che si vada ad avere un indebolimento ed eventuali infortuni.

Possiamo dire che è un ottimo alimento da aggiungere alla nostra dieta, soprattutto per gli sportivi, viste le quantità di proteine. Ovviamente non bisogna esagerare in quanto, guardando il suo profilo nutrizionale, è ricca di colesterolo e grassi. Dunque, un soggetto che presenta già un valore di colesterolo elevato non ne dovrà fare un consumo eccessivo. Senza dimenticarci della quantità di ferro che ha, infatti questo tipo di carne potrebbe essere d’aiuto per chi soffre di anemia.

Le dosi raccomandate indicano il consumo di carne di vitello due volte a settimana. Ovviamente questo parametro cambierà a seconda del soggetto. In questi casi è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico di fiducia oppure ad una figura specializzata come il nutrizionista. Informarsi su cosa contengono gli alimenti e come interagiscono con il nostro corpo è fondamentale per il mantenimento della nostra salute. Facendo così, in questo caso, scopriamo cosa contiene la carne di vitello e quanto sia meglio consumarne.

Lettura consigliata

È ottimo questo filetto di merluzzo gratinato al forno light con poche calorie

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te