C’è un messaggio importantissimo che il nostro cuore ci manderebbe per farci capire che rischiamo l’infarto

Secondo le statistiche internazionali fornite dall’OMS le morti per infarto rimangono ancora molto alte. Parliamo di avvenimenti che, soprattutto se non presi in tempo, possono costare la vita. Medici e ricercatori sostengono costantemente come possiamo essere anche noi autentici responsabili della salute del nostro cuore. Attraverso una dieta equilibrata, tanta attività sportiva, poco stress e riduzione di fumo e alcol. Ma c’è un messaggio importantissimo che il nostro cuore ci manderebbe per farci capire che rischiamo l’infarto. Non dobbiamo sottovalutarlo, soprattutto dopo una certa età, perché potrebbe costarci davvero caro.

Quando l’alimentazione conta anche a tavola

Sappiamo tutti bene quanto sia importante controllare regolarmente i livelli di colesterolo e trigliceridi. Approfittando dell’occasione, ricordiamo ancora una volta, quali sarebbero i livelli ideali di colesterolo secondo le tabelle mediche:

  • livello di colesterolo totale inferiore a 200 mg/dl nei soggetti adulti e sani;
  • il livello LDL inferiore a 115 mg/dl sempre per gli adulti;
  • livello di colesterolo HDL superiore a 50 mg/dl.

Con questi valori potremmo definirci in salute.

C’è un messaggio importantissimo che il nostro cuore ci manderebbe per farci capire che rischiamo l’infarto

Come ricordano i ricercatori in questo studio che alleghiamo esistono dei campanelli d’allarme molto importanti che lancia il nostro cuore. E che potrebbero annunciare problemi importanti come l’infarto. Dovremmo particolarmente fare attenzione alla difficoltà di mantenere il fiato durante uno sforzo fisico che abbiamo sempre fatto. Ovvero, parlando in maniera molto semplice, se ci accorgiamo di avere il fiatone dopo una corsa che abbiamo sempre fatto regolarmente, potrebbe essere un segnale importante. Questo dovrebbe ovviamente avvenire a parità di condizioni e di situazioni. Il che significa molto semplicemente trovare difficoltà nell’attività sportiva che abbiamo fatto sempre nella stessa ora e nelle stesse condizioni di salute. Non possiamo infatti paragonare una corsa fatta subito dopo pranzo con una lontana dai pasti.

Una serie di indicazioni molto importanti

Ma questa avvisaglia del cuore che potrebbe avere problemi, non è l’unica. Altri messaggi da non sottovalutare, potrebbero infatti essere:

  • una perdita improvvisa di conoscenza, che, in termine medico, prende il nome di sincope;
  • il classico dolore intenso e acuto al petto;
  • la percezione che il cuore non batta regolarmente ma presenti delle aritmie;
  • la sensazione di avere il fiato corto anche quando siamo sdraiati a letto o sul divano.

In tutti questi casi, chiamiamo immediatamente il nostro medico per tutti i controlli di rito. E per una ricetta salutare, ecco l’appuntamento col nostro approfondimento.

Approfondimento 

Cervello veloce e sprintoso come un bolide di Formula 1 con questa pasta piena di antiossidanti e vitamine

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te