Basta con queste tinture che stressano i capelli, rendendoli spenti e come paglia, e invecchiano il viso come se avessimo 70 anni

Nessuna donna vorrebbe avere i capelli come un ammasso bruciato, senza un minimo di lucentezza. Ebbene, è proprio ciò che accade dopo tanti anni di tinture. Esistono tanti prodotti naturali per dare riflessi al capello, ma molti di essi non risolvono il problema maggiore. Ossia la copertura dei capelli bianchi. Si tratta di un problema diffusissimo, anche perché a volte insorge in giovane età, essendo legato a fattori genetici. Poi, vi si associano anche le abitudini di vita, ambientali e alimentari. Il capello, tecnicamente, perde colore a causa di una minore produzione di melanina.

Fatto sta che una delle ossessioni delle donne è quella di trovare una soluzione per la copertura dei capelli bianchi. La difficoltà consiste nel trovarne una che copra senza danneggiare. Ciò in quanto l’utilizzo di prodotti chimici, a lungo andare, potrebbe provocare la perdita di capelli, aridità e secchezza, opacità e colori innaturali. Dunque basta con queste tinture che stressano i capelli, rendendoli spenti e come paglia, e invecchiano il viso come se avessimo 70 anni. Voltiamo pagina, ricorrendo a dei rimedi del tutto green, che rispettano la naturalità del capello.

Basta con queste tinture che stressano i capelli, rendendoli spenti e come paglia, e invecchiano il viso come se avessimo 70 anni

Il primo rimedio del tutto green è l’Henné. Esso è disponibile in polvere ma anche in crema, già pronta all’uso. Si tratta di un’ottima soluzione per rinforzare ed illuminare i capelli, mantenendoli sani. Inoltre, ha il grande vantaggio di coprire i capelli bianchi per circa un mese. Il rendimento, però, può variare in base alla capacità di assorbimento del capello.

Seconda pianta interessante per colorare è l’Indigo, che spesso si usa in combinazione con l’Hennè. Esso ha un alto potere coprente sui capelli bianchi, in particolare sulle capigliature scure. Inoltre, come il primo, li rende lucidi e sani e copre per circa un mese. Terzo segreto che esploreremo riguarda l’uso del tè nero, adatto specialmente ai capelli castani. Il vantaggio è che è facile da usare, perché basta preparare l’infuso e applicarlo, dopo lo shampoo. In questo caso, il rimedio è più blando, quindi lo si deve ripetere una volta a settimana, ma regala meravigliosi riflessi mogano.

Altri rimedi contro i capelli bianchi del tutto naturali e salutari

Una ottima soluzione è anche l’infuso di salvia, anch’esso adatto alla copertura dei capelli bianchi, con base castana. Per enfatizzarne il risultato, può essere combinato con il tè nero. Detto trattamento va ripetuto almeno 2 volte a settimana. Non lo avremmo mai pensato ma per tingere i capelli possiamo utilizzare anche il rosmarino, adatto a capelli castani. Esso si usa mediante la preparazione di un decotto nel modo che segue.

Mettiamo 2 rametti di rosmarino in 1,5 l di acqua e portiamo ad ebollizione, tenendo a bollire per 15 minuti. Poi, i capelli vanno immersi in questo decotto per qualche minuto. Anche detta procedura va ripetuta 2 volte a settimana. Infine abbiamo la curcuma, che è particolarmente adatta alla copertura dei capelli chiari. Essa, infatti, ravviva le chiome bionde e conferisce un riflesso giallo arancione. Infine, abbiamo la Betonica, usata, invece, per togliere il giallo dai capelli bianchi. In questo caso, il decotto servirà ad ottenere dei riflessi tendenti al lilla.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make-up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te