Attenzione ai prossimi bandi per 1.500 diplomati e laureati in questa regione del Sud Italia

Tra alti e bassi, questo 2021 sta procedendo in modo decisamente poco costante.

Un giorno sembra che la vita stia tornando alla normalità e il giorno dopo si ripiomba nell’incertezza. Davanti a questo scenario ancora molto altalenante, però, non possiamo neppure negare la presenza di qualche “spiraglio” di positività.

Infatti, questo biennio 2020-2021 si caratterizza anche per un altro dato fondamentale per il mondo del lavoro italiano. Ci riferiamo al boom di concorsi pubblici rivolti a migliaia di giovani e meno giovani, sia laureati che diplomati.

Questa ondata di selezioni non è altro che la conseguenza del blocco delle assunzioni nel pubblico impiego per decine di anni. Inoltre, alcuni interventi specifici come Quota 100 hanno permesso finalmente un ricambio generazionale negli uffici statali e regionali. A questo proposito, sono in arrivo più di 1.000 nuovi posti di lavoro in un’importante regione del meridione, vediamo i dettagli.

Attenzione ai prossimi bandi per 1.500 diplomati e laureati in questa regione del Sud Italia

Il Presidente della Regione Siciliana Musumeci ha dato il via libera alle procedure concorsuali nel territorio regionale. In un articolo precedente avevamo parlato dell’intenzione dell’amministrazione siciliana di assumere 1.024 nuove figure nei centri per l’impiego, di cui 537 laureati e 487 diplomati. Tuttavia, alcuni problemi hanno ritardato l’espletamento della selezione. Oggi, però, sembra che le cose siano finalmente cambiate e che a breve si assisterà alla pubblicazione dei bandi.

Secondo le nuove direttive, l’assunzione dei laureati prevederà una preselezione per titoli ed una successiva prova scritta. Diversamente, per i diplomati si procederà con una o più prove scritte e una orale.

Oltre a queste figure professionali, la Regione ha annunciato di voler assumere altri 52 laureati a tempo indeterminato, probabilmente con le stesse modalità selettive.

Attenzione ai prossimi bandi per 1.500 diplomati e laureati in questa regione del Sud Italia, perché non è finita qua.

Assunzioni a tempo determinato

La gestione dei fondi comunitari e nazionali richiede un incremento di personale specializzato all’interno dei vari uffici dislocati su tutto il territorio regionale. È per questo motivo che si prevede di reclutare circa 300 laureati con contratti triennali.

In tal caso si tratta di un impiego a tempo determinato, diversamente dai 1.024 posti nei CPI, ma è comunque un’ottima opportunità professionale. Non si conoscono ancora le procedure di selezione, ma potrebbero ricalcare quelle degli altri concorsi.

Per tutti i dettagli, si consiglia di consultare il sito della Regione Siciliana e attendere ulteriori avvisi e novità che speriamo non tardino ad arrivare.

Consigliati per te