In arrivo una novità straordinaria per entrare nella Pubblica Amministrazione evitando finalmente il tradizionale concorso pubblico

La pandemia ha rivoluzionato il nostro modo di vivere ma anche il nostro modo di lavorare. La Pubblica Amministrazione sembra aver risentito molto delle difficoltà di questo lungo periodo ed aver subito le conseguenze del passato. Infatti, tra concorsi bloccati per diversi anni e pensionamenti in massa, ecco che l’apparato statale si è trovato ad affrontare delle sfide assai difficili.

Come abbiamo già evidenziato in un precedente articolo (link qui) il nuovo Ministro per la PA Renato Brunetta ha annunciato importanti riforme nel settore pubblico. Non più soltanto concorsi, ma anche assunzioni attraverso contratti di formazione e lavoro o di apprendistato. Ma non è tutto. Negli ultimi giorni si parla anche di un’altra novità in arrivo per molti aspiranti professionisti.

In arrivo una novità straordinaria per entrare nella Pubblica Amministrazione evitando finalmente il tradizionale concorso pubblico

L’amministrazione intende reclutare figure altamente specializzate attraverso modalità più simili all’assunzione dei datori di lavoro privati. Non più le classiche fasi concorsuali lunghe e farraginose, ma un’assunzione che potremmo definire diretta.

Questa procedura, però, non varrà per tutti ma soltanto per figure dotate di elevate competenze. Vi rientrano coloro che hanno conseguito specifici master o dottorati o che abbiano maturato una certa esperienza in determinati ambiti.

Per le altre figure più classiche, come l’impiegato o il funzionario amministrativo, il concorso appare ancora oggi la sola via percorribile per accedere alla PA.

Le novità però non sono finite e si inseriscono nel nuovo volto dell’apparato statale, più lontano dai vecchi schemi ma più vicino al mondo privato.

Una piattaforma LinkedIn tutta italiana

Non solo è in arrivo una novità straordinaria per entrare nella Pubblica Amministrazione evitando finalmente il tradizionale concorso pubblico, ma c’è anche dell’altro.

Per “rimodernarsi”, lo Stato vuole realizzare una piattaforma digitale simile alla vicina LinkedIn che tutti ben conosciamo. Potranno iscriversi a questa nuova piattaforma sia (ovviamente) la PA e i dipendenti pubblici per aggiornare il proprio profilo, che gli aspiranti candidati. Un modo per essere sempre aggiornati sulle nuove opportunità nel pubblico impiego, ma anche un modo per l’amministrazione di reclutare i suoi futuri dipendenti.

Queste novità insieme alle tanto auspicate riaperture fanno ben sperare che sia finalmente in arrivo una ventata d’aria fresca dopo tanto gelo di questi mesi.

Consigliati per te