A causare gonfiore addominale non sarebbero solo broccoli e legumi ma anche questi alimenti amatissimi ed ecco 5 consigli per sgonfiare velocemente la pancia

Capita spesso di sentirsi appesantiti e con l’addome gonfio e dolente anche se abbiamo consumato un pasto modesto.

Una spiacevole sensazione quella del gonfiore addominale che oggigiorno affligge sempre più persone.

Per gonfiore addominale si intende quella fastidiosa sensazione di tensione a livello dell’addome che potrebbe dipendere da tanti fattori, a partire dallo stress, ma che potrebbe dipendere anche da allergie e intolleranze alimentari. Potrebbe più semplicemente rappresentare una condizione di disbiosi intestinale o indicare la presenza di parassiti intestinali. Il gonfiore potrebbe anche manifestarsi come sintomo di disturbi gastrointestinali, come il colon irritabile. Infine nei casi più gravi potrebbe indicare la presenza di patologie ben più gravi.

A causare gonfiore addominale non sarebbero solo broccoli e legumi ma anche questi alimenti amatissimi ed ecco 3 consigli per sgonfiare velocemente la pancia

La pancia gonfia però potrebbe banalmente anche essere causata dall’ingestione di alcuni cibi. Infatti non solo legumi e crucifere potrebbero causare gonfiore addominale, ma anche altri alimenti e bevande che amiamo molto come il caffè, l’alcol, le bevande gassate, alcune spezie ed anche i succhi di frutta. In alcuni casi anche la frutta stessa. Ma anche gomme da masticare e alimenti industriali ricchi di dolcificanti come i polioli.

In  più tra i cibi che causano gonfiore ritroviamo quelli ricchi dei cosiddetti FODMAP, ovvero degli zuccheri a catena corta in grado di fermentare facilmente nell’intestino accentuando la sensazione di gonfiore addominale.

Ma come potremmo fare allora per contrastare il gonfiore addominale?

5 consigli utilissimi per sgonfiare la pancia

Per combattere il gonfiore addominale il primo consiglio è quello di evitare di consumare gomme da masticare, fumo e sigarette che favorirebbero la formazione di aria nell’addome.

Il secondo consiglio riguarda la scelta degli alimenti. Infatti ci sono alcuni cibi che possono essere d’aiuto e contrastare il gonfiore che dovremmo preferire. Ad esempio la verdura con un basso quantitativo di foodmap come zucchine, carote, finocchi, uva, pomodori. Tra la frutta sarebbero da preferire alimenti come banane, kiwi, fragola con un ridotto quantitativo di questi zuccheri a catena corta.

Anche aumentare gradualmente l’introduzione di fibra potrebbe essere un aiuto per combattere il gonfiore addominale. Introducendo ad esempio prodotti a base di avena. Questo perché la fibra favorirebbe la regolarità intestinale.

In più meglio evitare di saltare i pasti o di consumarne di ipercalorici e ricchi di grassi. Preferire piuttosto pasti più piccoli e leggeri.

Un consiglio importantissimo riguarda la masticazione, infatti per prevenire il gonfiore è indispensabile mangiare con calma e masticare molto. Così da evitare ingestione eccessiva di aria e favorire l’insalivazione dei cibi, che cominceranno a scomporsi già in bocca.

Meglio evitare

Se si soffrisse di gonfiore addominale sarebbe preferibile evitare di indossare indumenti stretti. Evitare di essere eccessivamente sedentari, il movimento infatti aiuta il transito intestinale e l’eliminazione di aria in eccesso. Infine evitare di stressarsi eccessivamente, infatti esiste una stretta correlazione tra intestino e cervello. Ecco perché nei periodi di forte stress l’addome potrebbe apparire sempre teso e gonfio nonché dolente.

A causare gonfiore addominale non sarebbero solo alimenti quali broccoli e legumi ma anche tutte queste abitudini sbagliate.

Lettura consigliata

Pochi sanno che sarebbe questa l’acqua da bere in caso di problemi alla prostata, infiammazioni urinarie e cistite

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te