7 sintomi della depressione maschile, 7 comportamenti tipici e 6 consigli per combatterla

La depressione colpisce con maggior frequenza la popolazione femminile rispetto a quella maschile. Le statistiche rivelano che il 10% delle donne soffre di depressione contro il 5% degli uomini. Ma gli aridi numeri non ci dicono che uomini e donne affrontano la depressione in maniera diversa. Se la maggior parte delle donne tende a manifestare chiaramente i segnali della depressione, la maggior parte degli uomini la nasconde. Ne deriva che i segnali di questa patologia negli uomini e nelle donne possono essere molto diversi. Se si individuano i sintomi della depressione maschile ecco cosa occorre fare.

7 sintomi della depressione maschile, 7 comportamenti tipici e 6 consigli per combatterla

I sintomi comuni della depressione in uomini e donne sono stanchezza, scarsità di sonno o dormire molto, perdita di peso o abuso di cibo. Ma anche agitazione per cose futili e scarsa concentrazione. A questi si aggiungono dei sintomi interiori difficilmente identificabili dall’esterno come stato di tristezza, a volte colpevolezza, assenza di divertimento in attività generalmente piacevoli.

Se questi sono i sintomi comuni, le manifestazioni nell’uomo sono profondamente diverse rispetto a quelle nella donna. Nella popolazione maschile questi sono i 7 sintomi della depressione maschile, 7 comportamenti tipici e 6 consigli per combatterla. In genere nell’uomo la depressione si presenta con atteggiamenti come rabbia, frustrazione, rifiuto di aiuto. Tra l’altro questi atteggiamenti sono favoriti anche dalla mancanza di una specifica sostanza nel nostro organismo. Bassi livelli di questa sostanza danneggiano il cervello e aumentano depressione e aggressività.

Spesso un uomo depresso fa ricorso ad alcol o ad altre sostanze, come le droghe. Un depresso vede crescere le difficoltà nelle relazioni familiari e sociali, può avere eccessive manie di controllo ed infliggere maltrattamenti alle persone care. Questo perché nasce una voglia di fuga dalle responsabilità familiari e dai rapporti con amici e colleghi.

Un uomo può manifestare la depressione anche con un ossessionante attività lavorativa dovuta alla sensazione di non riuscire a fronteggiare tutti gli impegni professionali. Spesso questa patologia può portare all’assumere comportamenti estremi come il gioco d’azzardo. Infine può spingere anche ad un gesto estremo come il suicidio.

Come combatterla

Naturalmente quando si individuano i segnali della depressione occorre rivolgersi a un professionista. Questo darà la terapia più adatta dopo aver analizzato il paziente. Ma accanto alle indicazioni del medico ci sono una serie di suggerimenti pratici che possono essere adottati.

La prima cosa da fare è evitare alcol e droga. Occorre spezzare il circolo vizioso in cui un depresso può cadere per alleviare le sue sofferenze. Manifestare i disagi della depressione aiuta il malato ad alleviare i suoi problemi. Quindi meglio non nascondere il problema ma parlarne con le persone intorno.  Inoltre fare attività fisica aiuta moltissimo l’umore. Fa molto bene andare a camminare o correre tutti i giorni oppure andare regolarmente in palestra.

Spesso il depresso si trova di fronte problemi apparentemente insormontabili, compiti che possono sembrare insuperabili. In questo caso si può adottare la strategia del passo dopo passo. Aiuta ridurre il problema complessivo in problemi più piccoli che lo compongono e concentrarsi nel superare questi uno alla volta.

Anche l’alimentazione può aiutare a combattere la depressione. Per esempio ecco perché questi particolari cibi potenziano il cervello e allontanano ansia e depressione.

Approfondimento

5 importantissimi alleati del cervello che potenziano memoria, creatività e combattono il colesterolo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te