6 antistaminici naturali che aiuterebbero a contrastare le allergie primaverili, senza dover per forza ricorrere a cortisone ed altri farmaci

In primavera, con le belle giornate, si può iniziare ad uscire di più per fare delle belle passeggiate. Tuttavia, questi momenti di relax e rigenerazione potrebbero trasformarsi in un vero incubo per chi soffre di allergie di stagione. Per costoro, il periodo, abbastanza lungo, che va da aprile a giugno, può risultare decisamente critico. Esistono, tuttavia, alcuni rimedi naturali che aiuterebbero a contenere il rilascio di istamina da parte del corpo. Si tratta della proteina che si produce nel momento in cui si viene in contatto con un allergene scatenante.

Da qui, il verificarsi dei noti e fastidiosi sintomi, quali prurito che si estende a naso, gola, occhi e pelle. Poi naso chiuso, lacrimazione, starnuti, asma e tosse. Queste sono le tipiche reazioni corporee derivanti dalla penetrazione di pollini e polveri, per via aerea, nei soggetti allergici. Ebbene, i rimedi naturali, seppure nei casi più complessi di allergie non riescano a sostituire i farmaci, potrebbero tuttavia aiutare.

Quali sarebbero gli antistaminici naturali

Molte persone, durante la stagione primaverile, sono costrette ad utilizzare cortisonici per contrastare gli effetti dell’allergia. Questi, comunque, hanno effetti collaterali e provocano, spesso, gonfiore. Sicché, poterli evitare, quando è possibile, sarebbe l’ideale. In alcuni casi, il semplice trattamento con antistaminici naturali potrebbe funzionare. In alternativa, questi si potrebbero utilizzare in combinazione, per ridurre il consumo dei farmaci ed attenuare gli effetti delle allergie. Vediamo, dunque, quali sarebbero questi antistaminici naturali.

Anzitutto abbiamo il ribes nero, una pianta dalle molteplici proprietà benefiche, tra cui quella di contrastare il rilascio di istamina. Inoltre, svolgerebbe un’azione antinfiammatoria e rinforzerebbe il sistema immunitario. Si può assumere diluendone alcune gocce in acqua, oppure tramite infusione. Tra i 6 antistaminici naturali che aiuterebbero quindi a contrastare le allergie, abbiamo, poi, la frutta e verdura ricche di vitamina C. Si tratta di arance, limoni, pompelmo, carote, kiwi, che sarebbero ottimi antistaminici naturali, in quanto rinforzerebbero l’organismo attaccato dalle allergie.

6 antistaminici naturali che aiuterebbero a contrastare le allergie primaverili, senza dover per forza ricorrere a cortisone ed altri farmaci

Terzo antistaminico naturale sarebbe il tè verde. Anch’esso ridurrebbe l’impatto dell’istamina, grazie al suo alto contenuto di flavonoidi. In particolare, si tratta della quercitina e catechina, che contrasterebbero l’insorgere delle infiammazioni. La prima è presente anche in prezzemolo, agrumi e mele. Poi in cipolle, legumi, pomodori, lattuga e broccoli. Al quarto posto abbiamo poi lo zenzero, il basilico e altre spezie. In particolare, abbiamo: camomilla, echinacea, finocchio, aglio, radice di liquirizia, ginkgo biloba e l’alga spirulina. Anche qui, potremmo preparare delle tisane e dei decotti, per introdurre queste sostanze nell’organismo. Poi ci sarebbe l’aceto di mele. Esso va utilizzato così: diluirne due cucchiaini in un bicchiere d’acqua, da assumere per 3 volte nell’arco delle 24 ore. Infine, ci sarebbe l’ortica, anch’essa contenente quercitina, il flavonoide prima indicato. Si reputa possa essere un antistaminico naturale in grado di agire rapidamente, da assumere in decotto oppure in capsule.

Lettura consigliata

Come aiutare a depurare non solo il fegato ma tutto il corpo con il detox primaverile fatto di rimedi naturali e alla portata di tutti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te