5 sostanze poco conosciute che potrebbero farci diventare più intelligenti e potenziare il cervello

Pochi giorni fa abbiamo parlato delle incredibili proprietà del magnesio per combattere l’ansia e migliorare le funzioni cognitive. Oggi noi di Proiezionidiborsa proseguiremo nella nostra rassegna sui nutrimenti della mente. Ecco quindi 5 sostanze poco conosciute che potrebbero farci diventare più intelligenti e potenziare il cervello. Ovviamente se le assumiamo nel modo e nelle quantità consigliate dai medici.

Rhodiola Rosea e Acetil-L-Carnitina

La Rhodiola Rosea è una pianta conosciuta anche come “Radice d’oro” che cresce nelle zone più fredde dell’emisfero boreale. In molti sanno che può essere utilizzata per stabilizzare l’umore e ridurre la stanchezza. Ma alcuni studi scientifici hanno dimostrato che il suo estratto migliora anche le capacità di concentrazione e le performance del cervello. In più la Rhodiola è facile da coltivare e può dare un tocco di classe ai nostri balconi.

L’Acetil-L-Carnitina è un aminoacido che il nostro corpo produce in autonomia e che ha importanti effetti sul metabolismo. Ma non solo. Una ricerca recente di alcuni ricercatori italiani ha confermato che questa sostanza stimola l’apprendimento e previene alcune malattie degenerative. Se ne siamo carenti possiamo assumerla tramite degli integratori o aumentando la quantità di carne nelle dieta. Quelle rosse e il pesce ne contengono molta.

5 sostanze poco conosciute che potrebbero farci diventare più intelligenti e potenziare il cervello: Bacopa Monnieri, fungo bruco e Uperzina A

Dalla Bacopa Monnieri, una pianta perenne diffusa in tutto il mondo, si ricava un estratto ottimo per potenziare il cervello. Le foglie sono ricche di antiossidanti e sostanze antinfiammatorie che intervengono direttamente sui neuroni. In particolare su quelli dell’ippocampo responsabili della memoria a lungo termine.

Arriva dal Tibet il Cordyceps Sinensis, conosciuto anche come fungo bruco. Questo fungo contiene più di venti componenti bioattivi. Il più importante per il cervello sono i nucleosidi, elementi che proteggono le cellule cerebrali e rallentano il loro invecchiamento.

Restiamo in Asia per parlare dell’Uperzina A, una sostanza che si trova nelle foglie della pianta Huperzia Serrata. L’Uperzina A ha una funzione fondamentale per i processi cognitivi: blocca la scomposizione dell’acetilcolina, la sostanza responsabile della memoria e della concentrazione.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te