Tutti lo buttano ma è un portento per eliminare calcare e far brillare rubinetteria e sanitari senza ricorrere ai soliti bicarbonato e limone

Quando siamo alle prese con le pulizie di casa a volte non si bada a spese. Entrando in un supermercato saremmo capaci di portare via una marea di flaconi per i più svariati usi domestici. Si spendono così un sacco di soldi, quando si potrebbe risolvere tutto in modo molto economico. Infatti, tutti lo buttano ma è un portento per eliminare calcare e far brillare rubinetteria e sanitari senza ricorrere ai soliti bicarbonato e limone.

Tra forno e pentole

Effettivamente lavorare in casa e soprattutto riordinare e pulire i vari ambienti non è cosa facile. Tuttavia, è pur sempre possibile pulire e igienizzare casa in modo naturale. Uno dei punti più difficili e scoccianti con cui dobbiamo confrontarci è proprio il forno. Per fortuna esiste un rimedio naturale per sgrassare il forno incrostato.

Un’altra difficoltà delle pulizie di casa e in particolare della cucina riguarda le pentole. Bisogna sapere che ognuna di queste va trattata in modo specifico secondo il materiale di cui è composta. Ecco allora come pulire le pentole in acciaio, in alluminio, le pirofile, le padelle antiaderenti, le pentole in pietra oliare eccetera. Seguendo i giusti accorgimenti eviteremo di utilizzare detergenti inappropriati.

Tutti lo buttano ma è un portento per eliminare calcare e far brillare rubinetteria e sanitari senza ricorrere ai soliti bicarbonato e limone

In casa si utilizzano diversi rimedi naturali contro il calcare. Quelli più noti sono il bicarbonato, l’aceto di vino bianco, quello di mele, le bucce degli agrumi, la colpa del limone e così di seguito. Tuttavia non pensiamo mai a recuperare delle sostanze invece molto utili per le pulizia domestiche.

Quante volte abbiamo acquistato i cetriolini sotto aceto e non abbiamo mai pensato che il liquido che resta è qualcosa di portentoso. Infatti, in genere si tratta di aceto bianco in cui sono immersi i cetriolini. Non potrebbe esserci anticalcare migliore in commercio. Oltre ad impiegare il potere dell’aceto che è già un anticalcare, si assomma a questo anche quello dei cetriolini. Cetrioli e cetriolini infatti sono dei formidabili anticalcari, come dice l’approfondimento che abbiamo suggerito alla fine di questo articolo.

L’aceto di queste conserve non è dunque un prodotto da buttar via. Invece è uno dei prodotti migliori per poter eliminare calcare e combattere le macchie di muffa che si poggiano sulle guarnizioni del frigorifero.

Ne basta qualche goccia per igienizzare le porcellane dei vasi sanitari, togliendo anche il calcare da questi e dalla rubinetteria. Lo diluiamo con acqua oppure per le incrostazioni ne versiamo un po’ sopra lasciando agire e ammorbidire. Si può utilizzare per eliminare i cattivi odori dallo scarico del lavello o dello scarico della doccia. Sarà veramente un portento e soprattutto a costo zero.

Approfondimento

Oltre all’aceto e al bicarbonato è questo l’incredibile ingrediente che elimina il calcare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te