Tutta da vedere questa meraviglia della natura in Sicilia che non ha nulla da invidiare a Etna e mare

La Sicilia è un’ambitissima meta di vacanza. il suo mare, le sue meraviglie naturali e lo splendore delle sue città catturano molte persone. Certo, potrebbero essere tante di più se i suoi servizi migliorassero, se fosse più agevole muoversi al suo interno con infrastrutture più moderne.

Nonostante questo, è terra ricca di fascino, con città splendide e magari non conosciute al grande pubblico. Trapani è solo un esempio, ma se ne potrebbero citare anche altri. Il periodo migliore per visitare l’isola è proprio quello di giugno. Le temperature sono alte, ma non ancora torride come nei mesi di luglio e agosto. La vegetazione è rigogliosa, il traffico è minore, le spiagge sono più vivibili.

Ristoranti e alloggi hanno costi decisamente accessibili, come i voli per raggiungere l’isola. Palermo e Catania sono i due aeroporti principali, entrambi attrezzati per ricevere una gran quantità di turisti. Un giro della Sicilia merita di essere fatto, almeno una volta nella vita, per conoscere tutti i suoi tesori.

Oggi andremo a conoscere uno di questi. Non è un Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco come la splendida basilica sopra Palermo, ma è un capolavoro della natura. Stiamo parlando delle magnifiche Gole dell’Alcantara.

Situate tra Catania e Messina, al termine dei monti Peloritani, sono dei canyon naturali che sono stati scavati dall’acqua del fiume Alcantara nel corso dei secoli. Alte 25 metri e larghe massimo 5 e minimo 2, sono un’attrazione imperdibile se si decide di vivere qualche giorno in queste zone. Se volessimo fare il tragitto completo, dovremmo impiegare addirittura un paio di giorni!

Tutta da vedere questa meraviglia della natura in Sicilia che non ha nulla da invidiare a Etna e mare

Se invece ci accontentiamo di una semplice escursione di qualche ora, basterà recarsi all’ingresso del Parco Botanico. Da lì si potrà proseguire, ammirando le gole dall’alto. Al ritorno, poi, sarà possibile scendere al fiume e camminare nel suo letto, alternato a piccole spiaggette, fino a provare a percorrere dei tratti all’interno della roccia.

Per farlo, bisognerà noleggiare delle apposite salopette di gomma, perché la temperatura dell’acqua è molto bassa. Un’esperienza davvero straordinaria, di circa un’ora e mezza. Uno sbalzo termico notevole, per cui bisognerà essere attrezzati.

Se poi volessimo fare un’esperienza davvero adrenalinica, allora si potrebbe decidere di acquistare il pacchetto rafting. Dopo la visita interna alle Gole, ci sarà la possibilità di farsi trasportare dalle acque del fiume, superando rocce e cascatelle. Anche in questo caso, sarà necessaria apposita attrezzatura da noleggiare sul posto.

Per i meno coraggiosi e più tradizionali, si può trascorrere un pomeriggio allo Spray Park. È un’area attrezzata con ombrelloni e lettini dove poter godere di suggestive attrazioni con giochi d’acqua. Il tutto all’interno del parco fluviale. Adatto, in particolare, alle famiglie con bambini.

È dunque tutta da vedere questa meraviglia della natura siciliana, tra Messina e Catania. Le Gole dell’Alcantara sono assolutamente un’esperienza da vivere quando si decide di visitare la più grande isola italiana.

Lettura consigliata

Famoso nel Mondo per le sue ceramiche, è davvero un luogo imperdibile da visitare questo piccolo borgo della Sicilia a un’ora da Palermo

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te