Tengono a bada glicemia e diabete queste piante aromatiche considerate le regine dell’orto

Le erbe aromatiche sono delle piante all’odore gradevole che si utilizzano per esaltare il sapore dei cibi. Dalla carne al pesce, passando alle verdure sino al dolce.

Sono usate anche come piante officinali grazie alle loro proprietà terapeutiche largamente utilizzate in campo farmacologico e cosmetico.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Sono facilissime da coltivare in giardino o in vaso sul balcone. Hanno bisogno di pochissime cure, ma regalano molte soddisfazioni.

Tre piante in particolare

Sappiamo che le piante aromatiche, rappresentano un rimedio naturale per prevenire o curare malattie e disturbi. Come descritto in questo articolo Tutti conoscono questa pianta aromatica e la usano in cucina ma pochi sanno che è un ottimo rimedio naturale per curare il torcicollo.

Oggi, noi di ProiezionidiBorsa, vogliamo parlare di 3 erbe in particolare: origano, maggiorana e rosmarino.

Sono considerate le regine dell’orto, ottime in cucina e per risolvere qualche problema di salute.

L’origano è un antinfiammatorio naturale, perfetto per la digestione; l’infuso di maggiorana è un ottimo calmante per tosse e raffreddore: infine, il rosmarino allevia lo stress.

Questi sono solo alcuni dei tanti benefici che le 3 erbe possiedono.

Tengono a bada glicemia e diabete queste piante aromatiche considerate le regine dell’orto

Secondo un autorevole studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Agricultural and Food Chemistry, origano (messicano e greco), rosmarino e maggiorana, aiutano ad abbassare i livelli di glucosio.

Infatti tengono a bada glicemia e diabete queste piante aromatiche considerate le regine dell’orto.

Origano (messicano e greco), maggiorana e rosmarino hanno dei composti bioattivi che potrebbero agire e funzionare come alcuni farmaci.

Secondo questo studio, la presenza di polifenoli e i flavonoidi potrebbe ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

I ricercatori affermano però che sono necessari altri studi per approfondire questo argomento.

Noi come sempre consigliamo di consultare il medico di famiglia prima di intraprendere iniziative personali.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te