Tagliare una cipolla in quattro e lasciarla accanto al letto per tutta la notte è la soluzione al problema più comune d’inverno 

Ci sono, spesso, alcuni rimedi naturali che possono davvero aiutare a risolvere problemi quotidiani anche molto seri. Ma capita che non tutti li prendano come veritieri o utili. E questo soprattutto a causa delle bufale che girano sul web. Infatti, dato che su Internet circolano alcune soluzioni naturali che non funzionano, si fa l’errore di pensare che tutti i rimedi fatti in casa siano da lasciar perdere. Ma le cose non stanno così. Basta scovare le bufale e continuare a seguire i consigli che invece sono utili. Per esempio, se si legge: “Tagliare una cipolla in quattro e lasciarla accanto al letto per tutta la notte è la soluzione al problema più comune d’inverno”, è meglio cambiare pagina. Ecco spiegato il perché.

Ecco la storia che circola sul web

Ciò che ha attirato l’attenzione di tantissimi lettori è stata una storia che circolava sul web, a sostegno di alcune proprietà fantastiche della cipolla. Tra queste, sembrava che l’alimento potesse curare la febbre e l’influenza. E questa posizione veniva sostenuta da una leggenda che pare risalisse ai primi anni del ‘900. Secondo la storia, al tempo milioni di persone stavano morendo a causa dell’influenza. Solo un agricoltore, con la sua famiglia, si mostrava totalmente sano. E quando i medici gli chiesero il motivo, lui rispose che era perché aveva messo della cipolla tagliata in ogni stanza della sua casa. Guardando la cipolla al microscopio, il medico si accorse che aveva assorbito tutti i virus, salvando così la famiglia.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Tagliare una cipolla in quattro e lasciarla accanto al letto per tutta la notte è la soluzione al problema più comune d’inverno

In realtà le cose non stanno esattamente così. Infatti, l’influenza è un virus da contatto, dunque la cipolla non potrebbe in alcun modo trattenere i batteri che fluttuano nell’aria di cui parla la leggenda. È verissimo che la cipolla è un potente antibatterico, ma non utilizzata in questo modo. Si dovvrebbe piuttosto cucinarla e mangiarla per poterne sfruttare tutte le proprietà. Anche perché, se ci si pensa attentamente, una volta che la cipolla si affetta, l’acido solforico, grazie a cui questo cibo è anche un potente antibatterico, si asciuga.

Approfondimento

Avete mai provato a dormire con una fetta di cipolla nei calzini? Ecco cosa accade realmente

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te