Sembra davvero incredibile, ma abbiamo sempre cucinato la pasta nel modo sbagliato

C’è poco da discutere, al di là degli stereotipi, la pasta è il piatto italiano per eccellenza. È uno dei primi cibi che impariamo a cucinare. Impariamo dai nostri genitori e dalle nostre nonne. La pasta è il punto d’orgoglio del nostro paese nel mondo. Quindi, come possiamo dubitare del procedimento passato di generazione in generazione? Però, gli studi di Harold McGee ci portano a chiederci: abbiamo forse sempre cucinato la pasta nel modo sbagliato? Sembra davvero incredibile, ma ecco perché andrebbe cotta in padella.

Chi è Harold McGee?

Harold McGee è un autore americano famoso per il libro “Il cibo e la cucina. Scienza, storia e cultura degli alimenti”. Più recentemente però lo stesso autore ha scritto Keys to Good Cooking, “La chiave per una buona cucina”. È proprio in questo libro che McGee parla del modo più adatto per cucinare la pasta. Ma con che titolo scrive di questi argomenti? Si è laureato alla famosissima Caltech, inizialmente studiando materie scientifiche ma terminando nel corso di letteratura. Ha anche conseguito un dottorato a Yale sulla poesia romantica di John Keats. L’autore ha persino scritto la sua personale rubrica sul New York Times.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Sembra davvero incredibile, ma abbiamo sempre cucinato la pasta nel modo sbagliato

Partendo dalla chimica degli alimenti, McGee ha trovato il modo ottimale di cucinarli. Così è stato per la nostra adorata pasta. Tutti noi mettiamo l’acqua in una pentola e quando questa bolle, aggiungiamo sale e pasta per poi scolarla. Pare invece che tutto questo procedimento non sia il più efficiente.

Secondo McGee, infatti, dovremmo riempire di acqua una padella e non una pentola. Non solo, ma dovremmo direttamente inserire la pasta quando l’acqua è ancora fredda. In questo modo le nostre pennette non si attaccheranno fra loro o al fondo della padella. Al termine della cottura la pasta avrà assorbito la maggior parte dell’acqua. Non abbiamo quindi bisogno di scolarla, ma anzi abbiamo la quantità d’acqua perfetta per le nostre salse. Questa, infatti, avrà una maggiore concentrazione di amido rendendo il nostro condimento più cremoso.

C’è poi da considerare un fatto, stiamo risparmiando un’enormità di tempo. L’acqua dentro la padella infatti riuscirà ad arrivare a bollore in tempi molto più brevi rispetto alla cottura nella classica pentola.

Sembra davvero incredibile, non solo, abbiamo sempre cucinato la pasta nel modo sbagliato ma anche scolato, ecco il metodo corretto.

Consigliati per te