Sbarca finalmente su Netflix la serie che ha tenuto il pubblico del piccolo schermo con il fiato sospeso

Netflix ci sorprende ogni giorno con nuove serie di propria produzione o già andate in onda sui canali TV.

D’estate, siamo soliti mettere un freno alle maratone di telefilm tipica dell’inverno, ma quando vogliamo rilassarci durante la settimana, ci basta pigiare un tasto. Accendiamo il pc o la nostra televisione a schermo piatto (rigorosamente) ed ecco che possiamo goderci un momento tutto per noi.

Tra le nuove uscite di Netflix, una sta riscuotendo un particolare successo tra giovani e meno giovani di tutta Italia. Una serie già trasmessa sui canali RAI nel 2020 e che oggi più che mai sta appassionando il grande pubblico.

Non si tratta della solita serie di fantascienza o con una storia palesemente fuori dalla realtà, ma di qualcosa di molto vicino a noi. Un Mondo che forse percepiamo lontano, ma che in realtà ci è più vicino di quanto crediamo.

Stiamo parlando di Mare fuori, ambientata presso l’IPM, Istituto penale minorile, di Napoli.

Un insieme di vite e storie diverse, che si intrecciano tra di loro in una convivenza forzata che talvolta sembra insopportabile da portare avanti.

Vediamo i dettagli di questa serie TV e perché ci piacerà indubbiamente.

Sbarca finalmente su Netflix la serie che ha tenuto il pubblico del piccolo schermo con il fiato sospeso

Gli IPM ospitano detenuti minorenni, tra i 14 e i 17 anni, una fascia d’età molto delicata e soprattutto lontana dal Mondo penitenziario per adulti.

Nella serie, molti giovani detenuti sono figli di importanti camorristi napoletani e condividono i codici della criminalità organizzata. Non tutti i ragazzi, però, vengono da realtà malfamate ed ecco che iniziano le sfide tra i figli dei boss e i figli dei “ricchi”. Sfide che sfociano addirittura nel sangue, con l’obiettivo di vendicare un parente ucciso o semplicemente salvare la propria pelle.

Mare fuori mette a nudo le persone, al di là dei loro valori criminali o, al contrario, degli insegnamenti scolastici impartiti dai genitori. Dentro un carcere si è tutti uguali, senza distinzione di provenienza o di educazione ricevuta.

Si è persone, con le proprie debolezze e con le difficoltà da affrontare e superare in un luogo di punizione, ma anche di speranza. Paradossalmente, in questo luogo di sofferenza sembrano nascere i sentimenti più spontanei che nella cosiddetta società libera sarebbero rimasti schiacciati per le etichette imposte.

Perché Mare fuori ci piacerà? Perché sbarca finalmente su Netflix la serie diversa dalle solite di fantascienza, che ci permetterà di scoprire l’umanità anche dietro le sbarre.

Approfondimento

Non solo Netflix o programmi TV ma ecco 3 serie imperdibili per risolvere il dilemma di cosa guardare stasera

Consigliati per te